Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2021/2022
Tipologia di insegnamento: 
A scelta dello studente
Tipo di attività: 
Opzionale
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in MANAGEMENT DELLE IMPRESE TURISTICHE
Settore disciplinare: 
DIRITTO PRIVATO (IUS/01)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Anno di corso: 
2
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Il corso di studio ha l'obiettivo di presentare le istituzioni fondamentali del diritto dell’informatica e la rilevanza giuridica dei principali strumenti informatici con particolare riguardo all'operatività degli stessi nel settore turistico. Inoltre, il corso si propone di sviluppare negli studenti le competenze necessarie ad analizzare le questioni giuridiche relative all’uso della rete, sia per accedere ad essa e usufruire dei servizi messi a disposizione o per acquistare beni o servizi, sia per l’inserimento nella rete di siti, informazioni, i propri prodotti o servizi. Quanto precede è orientato all'applicazione la cui conoscenza possa essere particolarmente utile a chi opera nel settore turistico che è stato profondamente innovato dalla rivoluzione digitale.
Conoscenza e capacità di comprensione:
Lo studente dovrà dimostrare di aver compreso le linee generali e le nozioni fondamentali del diritto dell’informatica, con particolare riferimento alla normativa riguardante l’utilizzo della rete.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Lo studente dovrà dimostrare di conoscere i singoli istituti giuridici della materia, la loro collocazione concettuale nell'ambito del sistema e di avere una visione d’insieme sulla loro applicabilità.

Autonomia di giudizio:
Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito la capacità di orientarsi attraverso i vari istituti nelle loro diverse applicazioni, anche in relazione all'esigenza di tutelare interessi differenti.

Abilità comunicative:
Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito un adeguato livello nel linguaggio tecnico-giuridico.

Capacità di apprendimento:
Lo studente dovrà dimostrare una sufficiente capacità di apprendimento delle istituzioni generali del diritto dell’informatica e di sapersi orientare fra le varie problematiche che l’applicazione delle stesse comporta, con particolare riferimento all’ambito virtuale.

Prerequisiti

E’ utile che gli studenti abbiano conoscenze dei concetti fondamentali di Diritto privato e Diritto pubblico.

Contenuti

1. Fonti del diritto dell’informatica.
2. L’autoregolamentazione sulla rete.
3. Il diritto ed internet:
a. Il contratto di accesso ad internet
b. I domain names.
c. Privacy e diritto della personalità in rete.

4. I contratti ad oggetto informatico.
5. La contrattazione on line:
a. Il contratto telematico
b. I mezzi di pagamento
c. Tutela del consumatore telematico
d. I contratti turistici e telematici

6. Responsabilità civile in rete.

Metodi didattici

Il processo formativo prevede:
- lezioni di inquadramento teorico che hanno per oggetto le tematiche nelle quali si articola il programma del corso;
- esercitazioni e discussioni di casi pratici, per favorire lo sviluppo del senso critico e delle capacità di applicazione degli strumenti logico-analitici trattati nel corso delle lezioni;
- lettura e discussione di articoli di quotidiani e riviste specialistiche su argomenti attinenti alle problematiche teoriche affrontate nel corso.

Verifica dell'apprendimento

L’esame consiste in una prova orale volta a verificare il livello raggiunto dei risultati attesi sopraindicati in relazione al contenuto del corso, in particolare, il livello acquisito dallo studente della conoscenza e comprensione degli argomenti trattati nel corso e la competenza interpretativa, applicativa ed espositiva dei principali istituti giuridici del diritto dell’informatica. La durata della prova orale oscilla da 30 a 40 minuti circa. Sono formulate in totale 3 domande. La prima domanda sarà formulata su uno degli argomenti contenuti ai nn. 1, 2 e 3 del programma e saranno attribuiti fino ad un massimo di 10 punti. La seconda domanda verserà, invece, su uno degli argomenti contenuti ai nn. 4 e 5a e 5b del programma e verranno attribuiti fino ad un massimo di 10 punti. La terza domanda riguarderà un argomento contenuto ai nn. 5c e 5d del programma e verranno attribuiti fino ad un massimo di 10 punti.
Il voto finale è dato dalla somma dei tre punteggi. Per ritenersi superata la prova orale sarà necessario acquisire un punteggio minimo complessivo di 18/30.
Non sono previste prove di verifica intermedie.

Testi

Manuale di diritto dell’informatica, a cura di D. Valentino, 3ª ed., Esi, Napoli, 2016:
Parte I: Cap. I e III- Parte II: Cap. I, II, III- Parte III: Cap. I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII- Parte: IV: Cap. I, II, III, VIII- Parte V: Cap. I

Altre informazioni