Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2020/2021
Tipologia di insegnamento: 
Affine/Integrativa
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Corso di Laurea Magistrale in MANAGEMENT PUBBLICO
Sede: 
Napoli
Settore disciplinare: 
STORIA ECONOMICA (SECS-P/12)
Crediti: 
5
Anno di corso: 
2
Docenti: 
Dott.ssa POTITO Serena
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
40

Obiettivi

Il corso mira a fornire allo studente la conoscenza di base degli avvenimenti più significativi della storia dell’amministrazione pubblica italiana nell’ultimo secolo e mezzo, dal momento dell’Unificazione in poi. Lo studio delle diverse vicende si realizza attraverso un costante riferimento agli aspetti storico-economici, in un inscindibile legame tra storia delle istituzioni e della politica, e sviluppo economico e industriale. Il corso è strutturato in modo da sviluppare la capacità critica dello studente, la capacità di applicare le conoscenze nella comprensione dei singoli fatti storici, oltre ad implementare la sua autonomia di giudizio e la sua abilità espositiva e comunicativa.
1) CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:
Obiettivo preliminare è fornire una conoscenza dei principali fatti storici e dei concetti economici di riferimento, stimolando la capacità di comprensione individuale.
2) CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:
L’approfondimento della disciplina permette di applicare le conoscenze di base ai diversi fenomeni storici, in un’ampia visione che abbraccia sia gli aspetti politico istituzionali, sia quelli economico finanziari.
3) AUTONOMIA DI GIUDIZIO:
Lo studente, attraverso la frequenza del corso, deve giungere ad un grado di maturazione critica e autonomia di giudizio che gli permetta di valutare gli avvenimenti storici in maniera indipendente.
4) ABILITÀ COMUNICATIVE:
Attraverso lo studio e l’acquisizione delle competenze di base, si mira ad implementare una capacità comunicativa che permetta di esporre quanto appreso attraverso l’utilizzo di una precisa terminologia; tale abilità verrà potenziata a stimolata anche attraverso la discussione in aula degli argomenti oggetto delle lezioni, favorendo nel contempo un maggiore approfondimento e comprensione di talune tematiche.
5) CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO:
La capacità di apprendimento degli argomenti oggetto dell’insegnamento viene implementata attraverso la discussione in aula, oltre all’ offerta di materiale didattico, inerente ai temi trattati nelle lezioni.

Prerequisiti

No

Contenuti

Il corso si propone di analizzare e ricostruire l’evoluzione e i momenti più significativi della storia della pubblica amministrazione italiana dall’Unità ai giorni nostri, utilizzando una chiave interpretativa dei fenomeni di tipo storico economico. In particolare, viene messo in risalto il ruolo dello istituzioni politiche, finanziarie ed economiche pubbliche nel processo di formazione dello Stato unitario e nelle fasi che hanno portato allo sviluppo e alla trasformazione economica del Paese.
Contenuti in ore di lezione:
1) L’Italia dopo l’Unità (4 ore).
2) Il decollo industriale (4 ore).
3) Le prime amministrazioni parallele (3 ore).
4) Alle origini dell’intervento statale (4 ore).
5) Gli effetti della guerra (2 ore).
6) Gli anni del fascismo (3 ore).
7) Il grande crollo (2 ore).
8) Lo Stato imprenditore (4 ore).
9) Le amministrazioni parallele negli anni Trenta (4 ore).
10) L’amministrazione nell’Italia repubblicana (4 ore).
11) Una società industriale (3 ore).
12) Una difficile modernizzazione (3 ore).

Metodi didattici

Il metodo didattico è tradizionale, si svolge attraverso lezioni frontali con l’utilizzo di materiali integrativi di supporto (slides).

Verifica dell'apprendimento

La valutazione degli studenti avviene innanzitutto attraverso discussioni in aula successive alle lezioni del corso, poi attraverso una eventuale prova intercorso, infine sostenendo l’esame finale.
Tutte le modalità di verifica sono di tipo orale, oppure, solo nel caso della prova intercorso, può essere prevista una tesina o un lavoro di gruppo, e vertono o su singoli argomenti di discussione (come nel caso delle discussioni aula successive a determinate lezioni) o su domande strutturate su diversi temi, come nel caso delle prove intercorso e della prova finale.
La durata delle prove orali è variabile: nel caso delle discussioni a chiusura delle singole lezioni, trattandosi di una prova collettiva, la durata totale è prevista intorno ai 60 minuti; la prova intercorso orale è strutturata su domande simili a quelle della prova finale (esame) e ha la durata individuale di circa 10/15 minuti per singolo studente; l’esame (soltanto orale) è un colloquio strutturato su domande, ed ha la durata di circa 15/20 minuti per singolo studente.
Obiettivo delle prove è la verifica della comprensione di argomenti trattati dall’insegnamento, dell’acquisizione di competenze adeguate e della preparazione finale inerente allo studio e all’approfondimento delle tematiche trattate nelle lezioni. Tutti gli obiettivi comprendono una valutazione della maturità complessiva dello studente e dell’accrescimento globale della sua cultura storica ed economica.
La misurazione dell’esame finale e delle prove intercorso avviene in trentesimi, invece le discussioni prevedono un giudizio da parte del docente, non misurato da una votazione numerica.

Testi

G. Melis, “Storia dell’amministrazione italiana (1861-1993), Il Mulino, 1996.
V. Castronovo, “Storia economica d’Italia (Dall’Ottocento ai giorni nostri)”, Einaudi, 2013.
Il docente fornirà il materiale didattico durante il corso.

Altre informazioni