Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2020/2021
Tipologia di insegnamento: 
Affine/Integrativa
Tipo di attività: 
Opzionale
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in MANAGEMENT DELLE IMPRESE INTERNAZIONALI
Settore disciplinare: 
DIRITTO PRIVATO (IUS/01)
Crediti: 
3
Anno di corso: 
3
Docenti: 
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
24

Obiettivi

Presentare le nozioni fondamentali della protezione dei dati personali. Sviluppare negli studenti le competenze necessarie ad analizzare le questioni giuridiche e ad utilizzare gli strumenti giuridici idonei alla ricostruzione di risposte concrete nella composizione degli interessi giuridici ed economici coinvolti. Introdurre gli studenti all’interpretazione delle norme giuridiche nazionali ed internazionali in una prospettiva teleologica e sistematica.

-Conoscenza e capacità di comprensione:

Lo studente dovrà dimostrare di aver compreso le linee generali e le nozioni fondamentali del diritto alla protezione dei dati personali.

-Capacità di applicare conoscenza e comprensione:

Lo studente dovrà dimostrare di conoscere i singoli istituti giuridici della materia, la loro collocazione concettuale nell’ambito del sistema e di avere una visione d’insieme sulla loro applicabilità nell’ambito del diritto dell'innovazione tecnologica.
-Autonomia di giudizio:

Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito la capacità di orientarsi attraverso i vari istituti nelle loro diverse applicazioni, anche in relazione all'esigenza di tutelare interessi differenti.

-Abilità comunicative:

Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito un adeguato livello nel linguaggio tecnico-giuridico e nell’argomentazione e la costruzione del ragionamento giuridico.

-Capacità di apprendimento:

Lo studente dovrà dimostrare una sufficiente capacità di apprendimento delle istituzioni generali del diritto dell'innovazione tecnologica, di sapere riconoscere le varie problematiche e di sapersi orientare nella ricerca delle regole da applicare, con particolare riferimento nel settore della protezione dei dati personali.

Prerequisiti

Aver superato l'esame di diritto privato.

Contenuti

Privacy digitale e GDPR tra persona e mercato.
Le figure del titolare e del responsabile del dato personale.
Il principio di accountability.
Il diritto all’oblio.
La responsabilità per illecito trattamento dei dati personali.
Il futuro della memoria digitale.

Metodi didattici

Le attività didattiche si serviranno di lezioni frontali, attività seminariali, conversazioni e dibattiti in classe.
Si persegue, durante le lezioni, l’interazione con gli studenti, sollecitandoli a rispondere a domande ed a porne, anche al fine di verificarne il livello di comprensione dei temi trattati. Le attività seminariali prevedono una serie di esercitazioni sia individuali che per gruppi con casistica tratta dalla giurisprudenza italiana ed europea più recente.
E’ previsto l’utilizzo delle piattaforme online messe a disposizione dall’Ateneo.

Verifica dell'apprendimento

L’obiettivo della prova d’esame consiste nel verificare il livello di raggiungimento degli obiettivi formativi precedentemente indicati.
L’esame consiste in un colloquio orale in cui lo studente dovrà dimostrare di conoscere e comprendere gli istituti e i principi del diritto dell'innovazione tecnologica e di saperli applicare a casi pratici sottoposti alla sua attenzione dal docente attraverso la prospettazione di esempi concreti. Lo studente dovrà saper analizzare in autonomia le fonti e gli orientamenti giuridici rilevanti del diritto privato e utilizzare correttamente il lessico tecnico-giuridico della materia, così dimostrando di aver conseguito il metodo di studio e la capacità di apprendimento necessari a proseguire anche in autonomia l’approfondimento della materia.
Sono possibili forme di monitoraggio e verifica intermedia della preparazione dei partecipanti al corso, fermo restando che l’attribuzione della votazione avverrà soltanto all’esito dell’esame finale che si svolgerà, al termine del corso, secondo le modalità e i criteri di valutazione sopra specificati nel dettaglio.
Nella formulazione del giudizio finale troveranno applicazione i seguenti criteri di valutazione: • Mancato superamento dell’esame: il candidato non raggiunge nessuno dei risultati descritti al punto “Risultati di apprendimento previsti”; • Da 18 a 21: Livello sufficiente. Il candidato raggiunge, in particolare, i risultati previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”; • Da 22 a 24: Livello pienamente sufficiente. Il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione” e “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; • Da 25 a 26: Livello buono. Il candidato raggiunge i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”, “conoscenza e capacità di comprensione applicate” e “autonomia di giudizio”; • Da 27 a 29: Livello molto buono. Il candidato raggiunge i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”, “conoscenza e capacità di comprensione applicate”, “autonomia di giudizio”, e “abilità comunicative”; • Da 30 a 30 e lode: Livello eccellente. Il candidato raggiunge pienamente i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”, “conoscenza e capacità di comprensione applicate”, “autonomia di giudizio”, “abilità comunicative” e “capacità di apprendere”.

Testi

E. Tosi, Diritto privato delle nuove tecnologie digitali, Giuffrè, 2021, Tomo I, pp. 119-198, 557-621.

Altre informazioni

Il Prof. Roberto Carleo (

) riceve studenti e tesisti al termine delle lezioni.