Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2015/2016
Tipologia di insegnamento: 
A scelta dello studente
Tipo di attività: 
Opzionale
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea Magistrale Ciclo Unico 5 anni in GIURISPRUDENZA
Sede: 
Napoli
Settore disciplinare: 
DIRITTO DEL LAVORO (IUS/07)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Anno di corso: 
5
Docenti: 
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Viene offerta una panoramica dei principi fondamentali e degli istituti basici del diritto della sicurezza sociale
nell’ordinamento italiano. Ci si sofferma sui principali interventi legislativi in materia di diritti sociali ( Naspi). Al termine del corso, gli studenti comprenderanno pienamente il contesto valoriale nel quale si sviluppano le riforme previdenziali e le connesse problematiche.
Risultati di apprendimento attesi:
- Conoscenza e capacità di comprensione: lo studente deve avere la capacità di comprendere gli aspetti evolutivi e normativi del diritto previdenziale nell’ordinamento italiano.
- Capacità di applicare conoscenza e comprensione: lo studente deve essere in grado di analizzare e valutare le problematiche applicative del diritto della sicurezza sociale.
- Autonomia di giudizio: lo studente deve avere la capacità di valutare in maniera autonoma gli interventi legislativi volti a bilanciare la tutela dei lavoratori e il buon funzionamento del mercato.
- Abilità comunicative: lo studente deve avere la capacità di comunicare i contenuti essenziali degli istituti giuridici attraverso un linguaggio specialistico.
- Capacità di apprendimento: lo studente deve saper autonomamente consultare fonti legislative e giurisprudenziali.

Prerequisiti

Conoscenza del diritto delle istituzioni private, del diritto delle istituzioni pubbliche e del diritto del lavoro.

Contenuti

Diritto della Sicurezza Sociale: il sistema di sicurezza sociale italiano.
Il sistema della sicurezza sociale italiano (il principio di solidarietà; il principio assicurativo; assistenza; previdenza; condizionalità; 20 h)
Le misure di sostegno al reddito ( dal reddito di inclusione al reddito di cittadinanza; 18 h) .
La riforma degli ammortizzatori sociali ( 10 h).

Metodi didattici

Il corso è organizzato in lezioni frontali.

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell’apprendimento si basa su un colloquio orale della durata di trenta minuti, nell’ambito del quale lo studente – in risposta a quesiti su tre temi generali affrontati nel corso – è chiamato a illustrare in maniera critica il funzionamento degli istituti giuridici e la loro finalità. Lo studente, attraverso il colloquio, dovrà mostrare di orientarsi adeguatamente nella sistematica del diritto della sicurezza sociale e di coglierne gli elementi distintivi di fondo.
Il voto finale, in trentesimi, terrà conto: a) della chiarezza e dell’ordine espositivo; b) della proprietà del linguaggio; c) della capacità di ragionamento sistematico.

Testi

S. Renga, NASpi e Dis-Coll: principio di solidarietà versus principio assicurativo, in DIRITTI LAVORI MERCATI, 2018, 3, pp. 469 – 490;
R. Casillo, Reddito di inclusione e figure affini: una prospettiva di diritto della sicurezza sociale, in DIRITTI LAVORI MERCATI, 2018, 3, pp. 491 – 522;
F. Ravelli, Condizionalità e “merito” nel sistema di sicurezza sociale, in DIRITTI LAVORI MERCATI, 2018, 3, pp. 586-603

Il materiale didattico verrà fornito dal docente durante il corso e, per coloro che non seguissero le lezioni, su richiesta, via mail istituzionale.

Altre informazioni