Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2019/2020
Tipologia di insegnamento: 
Base
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in SCIENZE DELL'AMMINISTRAZIONE E DELL'ORGANIZZAZIONE
Sede: 
Napoli
Settore disciplinare: 
DIRITTO PRIVATO (IUS/01)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
9
Anno di corso: 
1
Docenti: 
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
72

Obiettivi

Gli obiettivi formativi consistono nell'acquisizione da parte dello studente di conoscenze degli istituti del diritto privato, in particolare dell'ambito patrimoniale.
Risultati di apprendimento attesi conformemente ai descrittori di Dublino:
Al termine del corso lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito le seguenti conoscenze, capacità e attitudini:
1.Conoscenza e capacità di comprensione
-conoscenza dei principi della disciplina dei rapporti di natura privatistica, in special modo a contenuto patrimoniale in relazione a struttura, costituzione e svolgimento;
-conoscenza dei principi e della disciplina degli atti di autonomia contrattuale e negoziale in relazione ai profili strutturali e funzionali;
-conoscenza dei principi della disciplina in tema di responsabilità civile e illecito; famiglia e successione per causa di morte;
-comprensione degli interessi sostanziali sottostanti ai singoli istituti e delle principali problematiche che vi sono connesse.
2.Capacità di applicare conoscenza e comprensione
-capacità di interpretare le norme con criterio sistematico e di comprendere la portata applicativa dei profili più importanti degli istituti studiati, in special modo di quelli che durante il corso saranno.Tale capacità sarà fatta acquisire attraverso il costante riferimento, durante le lezioni, a casi esemplificativi.
3.Autonomia di giudizio
- capacità di elaborare e approfondire in modo autonomo le conoscenze acquisite e di conseguire, nel tempo, una sempre più elevata capacità critica e di giudizio, così da potersi confrontare anche su questioni teorico-pratiche non precipuamente trattate e saper argomentare soluzioni. A tal fine lo studente necessiterà di aver inteso le logiche che sottendono le discipline studiate, che pertanto saranno sempre oggetto di attenzione privilegiata. Il conseguimento della capacità anzidetta sarà agevolato dal confronto dialettico degli studenti con il docente durante le lezioni.
4.Abilità comunicative
- capacità di esprimere le nozioni giuridiche acquisite con proprietà di linguaggio e in modo chiaro ed efficace.
A tal fine saranno sollecitati interventi orali durante le lezioni, sia invogliando gli studenti a porre domande, sia rivolgendo loro domande.
5.Capacità di apprendimento
-Capacità di compiere successivi approfondimenti delle materie studiate;
-capacità di accedere alle fonti normative e di indirizzare la ricerca delle fonti in relazione agli argomenti di studio;
-capacità di consultare fonti giurisprudenziali e dottrinali.
A tal fine durante le lezioni gli studenti saranno sollecitati a consultare il codice civile e le leggi complementari e l'esposizione teorica sarà integrata da richiami e rinvii giurisprudenziali

Prerequisiti

Nessuno

Contenuti

-INTRODUZIONE DEL CORSO E INTRODUZIONE AL DIRITTO PRIVATO
-NOZIONI INTRODUTTIVE E PRINCIPI FONDAMENTALI
-I SOGGETTI DI DIRITTO
-LE SITUAZIONI GIURIDICHE
-L'AUTONOMIA PRIVATA
-LA PUBBLICITA' DEI FATTI GIURIDICI
-LE PROVE
-LA RESPONSABILITA' CIVILE E L'ILLECITO
-I RAPPORTI FAMILIARI E PARENTALI
-LE SUCCESSIONI PER CAUSA DI MORTE

Metodi didattici

Lezioni frontali e disponibilità del docente al confronto personale con i singoli studenti a fine lezione.

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell’apprendimento si articola in una prova orale durante la quale lo studente dovrà rispondere ad una serie di quesiti su argomenti eterogenei nell’ambito di quelli oggetto del corso.
Per ottenere il punteggio minimo, lo studente dovrà dimostrare l’acquisizione di
1.Conoscenze e capacità di comprensione relativamente a:
-soggetti di diritto
-situazioni giuridiche: reali e di credito e debito; situazioni, reali e personali, di garanzia
-autonomia privata e autonomia contrattuale
-pubblicità dei fatti giuridici
Conoscenze e capacità di comprensione, almeno delle nozioni basilari in materia di:
-responsabilità civile e illecito
-rapporti familiari e successioni per causa di morte;
2.Capacità di applicare conoscenza e comprensione, in quanto in grado di:
-confrontarsi con le norme di riferimento e individuare gli interessi che vi sono sottesi e compiere i più significativi collegamenti tra norme e istituti;
-tradurre le norme teoriche in esempi esplicativi;
3.Autonomia di giudizio, in quanto in grado di:
-individuare profili di problematicità inerenti agli istituti;
-impostare argomentazioni giuridiche;
4.Abilità comunicative, in quanto in grado di:
-esprimersi oralmente con proprietà di linguaggio;
-usare il lessico tecnico-giuridico;
-esprimere con chiarezza le nozioni esposte;
5.Capacità di apprendimento, in quanto in grado di:
-approfondire le conoscenze acquisite mediante la consultazione della giurisprudenza e di testi dottrinali specialistici.
In sede di esame allo studente potrà essere chiesto di spiegare, previa lettura, articoli del codice civile e/o di qualcuna delle più significative leggi complementari inerenti agli argomenti del programma e/o di commentare stralci di decisioni giurisprudenziali.
La valutazione terrà conto non solo dell’esattezza delle risposte, ma anche, al fine di assegnare voti superiori a quello minimo, del grado di completezza e chiarezza dell’esposizione e della ampiezza e puntualità dei collegamenti tematici.
Per il raggiungimento di un più elevato punteggio, fino al raggiungimento del punteggio massimo, si terrà conto dell’esposizione e puntualità dei collegamenti tematici, della abilità dialettica e della consapevolezza della portata delle questioni

Testi

PIETRO PERLINGIERI, Istituzioni di Diritto Civile, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2018, relativamente agli argomenti in programma.
Lo studio dell'esame deve essere accompagnato ed integrato dalla lettura di un codice civile (e delle leggi complementari inerenti agli argomenti del corso).
E' utilizzabile un manuale alternativo concordato con il docente.

Altre informazioni

Nessuna