Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2019/2020
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE MOTORIE PER LA PREVENZIONE ED IL BENESSERE
Sede: 
Napoli
Settore disciplinare: 
METODI E DIDATTICHE DELLE ATTIVITA' MOTORIE (M-EDF/01)
Crediti: 
3
Anno di corso: 
1
Docenti: 
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
24

Obiettivi

Il corso mira alla conoscenza dei principi dell’ Attività Fisica Adattata e dell’ Esercizio terapia e degli effetti sulla salute. Il corso mira anche all’ acquisizione degli strumenti idonei a programmare l’AFA e l’esercizio terapia e a valutarne gli effetti con particolare attenzione alle popolazioni con patologie croniche non trasmissibili (MCNT) e nell’anziano.
In particolare, il conseguimento dell’esame permetterà allo studente di:
-conoscere e comprendere le caratteristiche dell’AFA e dell’esercizio terapia e degli effetti bio-molecolari sulla regolazione del metabolismo intermedio, dell’accrescimento osteo-articolare, nonché sugli effetti benefici nella prevenzione e management di patologie tumorali. Lo studente acquisirà le metodologie validate nella letteratura scientifica per la valutazione della forma fisica e della fitness (in relazione alla salute) e in particolari popolazioni a rischio (MCNT), cancro, anziani (Conoscenza e capacità di comprensione);
-applicare le conoscenze acquisite all’ambito professionale, adattando le strategie generali apprese nel corso alle situazioni specifiche presenti in ambito lavorativo, con particolare attenzione alle popolazioni fragili (Conoscenza e capacità di comprensione applicate);
-valutare autonomamente in contesti professionali differenti delle scienze motorie e sportive (sia in termini di programmi AFA che di disponibilità di spazi ed attrezzature) e, sulla base di questo giudizio, selezionare per ciascuno di essi la soluzione più appropriata (Autonomia di giudizio);
-acquisire ed approfondire il linguaggio scientifico appropriato al proprio ambito professionale e imparare a relazionarsi correttamente con interlocutori differenti nell’ottica di un lavoro in team multidisciplinare (Abilità comunicative);
-approfondire in modo autonomo le tematiche di maggior interesse per il proprio ambito professionale, selezionando dalla letteratura scientifica le fonti di informazioni più accurate e le metodologie più adeguate (Capacità di discernimento )

Prerequisiti

Aver acquisito nozioni di Fisiologia; Anatomia; Patologia; cardiologia

Contenuti

Contenuti della sezione di Attività Tecnico-Pratiche (9 CFU)
-Valutazione della CC mediante plicometria, , misura delle circonferenze, BIA;
-Valutazione della fitness cardiorespiratoria mediante test GXT anche in popolazioni a rischio;
-Valutazione della forma muscolare con particolare riferimento a soggetti fragili;
-Valutazione della flessibilità articolare e ROM anche in soggetti fragili;
-SFT e loro applicazione;
-Valutazione dell’equilibrio statico e dinamico anche in popolazioni fragili;
-pianificazione di programmi di AFA per soggetti con patologie dismetaboliche;
-pianificazione di programmi di AFA per soggetti anziani e con osteopenia;
-valutazione in –itinere degli effetti dei programmi di AFA sui principali marcatori della forma fisica correlati alla salute;
-analisi e, somministrazione dei principali questionari validati per la verifica della qualità di vita (QoL)

Metodi didattici

Lezioni tecnico pratiche

Verifica dell'apprendimento

prove intercorso; esame di profitto finale orale.
Le prove intercorso sono riservate agli studenti frequentanti.
Lo studente sosterrà n.3 prove intercorso con n.3 domande a risposta aperta; per ogni prova avrà 60 minuti. ciascuna è valutata in 30esimi, la prova è superata se si consegue minimo 18/30 a ciascuna delle prove. Al termine del corso, lo studente svolgerà un esame orale per valutare l’acquisizione delle competenze in merito alla valutazione della Forma Fisica in soggetti con patologie stabilizzate e in soggetti anziani; sulla programmazione , somministrazione e valutazione degli effetti di un programma di AFA in differenti contesti. L’esame orale accerterà anche l’acquisizione delle capacità di programmazione, somministrazione e valutazione degli effetti dei programmi di AFA sui soggetti fragili (attività correlate alle ATP) e sulla capacità di problem solving e sarà valutato in 30esimi. La media dei risultati conseguiti in tutte le prove svolte e di quello ottenuto nell’esame orale, costituirà il voto finale.
Le prove intercorso svolte saranno ritenute valide solo una volta e solo per la sessione estiva (mesi di giugno o luglio o settembre). Coloro che non parteciperanno alle prove intercorso, o che non conseguiranno la sufficienza (18/30) come voto finale, o che rifiuteranno il voto finale, o che svolgeranno l’esame in sessioni successive a quella estiva di fine corso, sosterranno l’esame orale che verterà sul programma d’esame e sulle ATP e capacità di problem solving.
NB: Lo studente che non frequenta le ATP può acquisire i crediti formativi relativi (9CFU) anche svolgendo l’attività presso centri convenzionati o presso palestre, associazioni dilettantistiche etc. previa dichiarazione da parte del titolare della struttura di accettazione dello studente per lo svolgimento delle ATP. A tal fine lo studente può ritirare l’apposito libretto presso la segreteria di dipartimento e consegnarlo in sede d’esame finale.
Nel caso in cui la prova orale risultasse insufficiente, lo studente ripeterà l’esame nella seduta successiva mediante colloquio orale che verterà sul programma, sulle attività svolte nelle ATP.

Testi

P. Buono. “ Attività Fisica per la Salute”, seconda edizione, Idelson Gnocchi editore, Napoli, 2018;
Letteratura scientifica aggiornata sugli argomenti trattati.

Altre informazioni

email:

Ricevimento: Mercoledì ore 10:00 -12:00 stanza 8 Via medina 40, Napoli o via telematica su teams codice: r834mp1