Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2018/2019
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in ECONOMIA AZIENDALE
Settore disciplinare: 
METODI MATEMATICI DELL'ECONOMIA E DELLE SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE (SECS-S/06)
Crediti: 
6
Anno di corso: 
3
Docenti: 
Dott.ssa CORSARO STEFANIA
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Il corso ha l'obiettivo di fornire le nozioni di base per la formalizzazione e la valutazione dei contratti finanziari derivati e per il controllo dei rischi.
Conoscenza e capacità di comprensione: lo studente deve dimostrare di conoscere le tecniche e gli strumenti matematici utilizzati per la valutazione dei contratti finanziari.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione: lo studente deve dimostrare di saper applicare le conoscenze acquisite ai problemi di valutazione finanziaria.
Autonomia di giudizio: lo studente deve dimostrare di saper approfondire anche in modo autonomo le conoscenze acquisite riuscendo ad applicarle anche ad altri problemi finanziari.
Abilità comunicative: lo studente deve illustrare in modo chiaro ed esaustivo sia i procedimenti adottati nella risoluzione degli esercizi proposti nella prova scritta, sia gli argomenti discussi durante il colloquio orale.
Capacità di apprendimento: lo studente deve dimostrare una buona capacità di apprendimento riuscendo ad approfondire le proprie conoscenze su riferimenti bibliografici pertinenti e di rilievo per il campo oggetto di studio.

Prerequisiti

Contenuti di Matematica Generale.

Contenuti

Il corso introduce ai modelli del mercato dei capitali e ai criteri di valutazione e di scelta finanziaria. Il contenuto del corso può essere suddiviso in blocchi di lezioni. In media, il corso è articolato come segue:
I blocco (20 ore):
Struttura temporale dello scambio di importi, il capitale e l'interesse. Il contratto finanziario. Operazioni di investimento/indebitamento su più date. Funzione valore. Definizioni fondamentali basate sulla funzione valore. Fattori, tassi e intensità. Le leggi finanziarie: interesse semplice, interesse composto, legge esponenziale. Intensità istantanea.
Le obbligazioni. Il rating. La struttura del mercato. Titoli a cedola nulla. Titoli a cedola fissa. Rateo, corso tel quel, corso secco.
I rischi. Tempo, incertezza, rischio. Il rischio di tasso di interesse. Il rischio di credito. Il rischio inflattivo. Il rischio di cambio. Le coperture, la speculazione, l'arbitraggio.
II blocco (28 ore):
Rendite e ammortamenti.
Il Tasso interno di rendimento.
Prezzi di mercato. Le ipotesi caratteristiche del mercato. Mercato perfetto. La proprietà di assenza di arbitraggio. La legge del prezzo unico. Titoli a cedola nulla unitari. Titoli a cedola nulla non unitari. Portafogli di zero-coupon bond con diversa scadenza. Contratti a termine. Tassi impliciti.
La struttura per scadenza dei tassi di interesse. Le strutture per scadenza a pronti. Le strutture per scadenza implicite. La struttura su uno scadenzario arbitrario. Tasso interno e tasso di parità di titoli a cedola fissa. Tasso di parità.
La scadenza media aritmetica. La duration. Momenti di secondo ordine. Duration e dispersione di portafogli. Semileasticità. Elasticità. Convexity.
La misurazione della struttura per scadenza dei tassi di interesse. La misurazione della struttura per scadenza come problema di algebra lineare. Metodi basati sui tassi di parità.

Metodi didattici

Il corso è organizzato in lezioni frontali ed esercitazioni in laboratorio, che prevedono l’uso del foglio elettronico.

Verifica dell'apprendimento

La verifica consiste in una prova scritta e una orale, volte a verificare il conseguimento degli obiettivi formativi. La prova scritta finale è strutturata in un insieme di esercizi. La risoluzione corretta dell’esercizio che verte sugli argomenti trattati nel I blocco di lezioni è condizione necessaria ma non sufficiente al superamento della prova scritta. Durante la prova scritta è consentito usare libri, è richiesto l’uso della calcolatrice. Sia la prova scritta che il colloquio sono valutati in trentesimi. Le valutazioni conseguite nelle prove scritte e orali concorrono alla definizione del voto finale.

Testi

E. Castagnoli, M. Cigola, L. Peccati. Financial calculus with applications. Egea, 2013.

Altre informazioni