Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2018/2019
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Opzionale
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in ECONOMIA AZIENDALE
Settore disciplinare: 
ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI (SECS-P/11)
Crediti: 
6
Anno di corso: 
3
Docenti: 
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Il corso si pone l’obiettivo di approfondire il ruolo della finanza per lo sviluppo aziendale. A tal riguardo il modulo intende fornire i fondamenti teorici e pratici ai fini, per l’impresa, di un’efficace selezione delle fonti di finanziamento e degli investimenti, nonché di una corretta gestione del rischio. Saranno altresì approfondite le problematiche di capital budgeting e di liquidità per il breve periodo e le loro possibili soluzioni concernenti gli intermediari finanziari, bancari e non bancari, e il credito commerciale.

Prerequisiti

Formalmente nessuno, sebbene la conoscenza delle fonti/impieghi aziendali ne agevola la comprensione. Sarà altresì di aiuto la conoscenza del bilancio sia bancario, sia aziendale.

Contenuti

I contenuti del corso possono suddividersi in 2 blocchi di lezioni, la cui durata dipende dal grado di preparazione degli studenti e dal livello di assimilazione degli argomenti progressivamente affrontati che essi mostrano di possedere. I 2 blocchi di lezioni presentano la seguente articolazione e durata media:
Primo blocco (durata 24h):
Finanza aziendale e obiettivi dell’impresa; Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni; Analisi finanziaria; Pianificazione finanziaria; Valutazione delle azioni; Valore attuale netto e altri metodi di scelta degli investimenti.
Secondo blocco (durata 24h):
Decisioni di investimento con il metodo del valore attuale netto; Introduzione a rischio e rendimento; Analisi dei progetti; Problemi di agenzia, remunerazione dei manager e misura dei risultati; Forme di finanziamento e valore dei diritti di voto.

Metodi didattici

Lezioni frontali finalizzate al miglioramento delle conoscenze e della capacità di comprensione degli studenti. Al fine di rafforzare la capacità comunicativa e l’autonomia di giudizio, gli studenti sono esortati a partecipare alla discussione con domande, considerazioni e riflessioni.
Esercitazioni finalizzate alla formazione di abilità applicative e di problem solving. Le esercitazioni vertono principalmente sulla valutazione degli investimenti attraverso simulazioni e disamina di casi reali.
Testimonianze aziendali di operatori del settore della consulenza aziendale. In particolare, il corso si avvarrà di testimonianze di professionisti impegnati nel settore private e corporate banking.

Verifica dell'apprendimento

L’esame finale consistente in una prova scritta composta da 2 domande a risposta aperta, da 1 esercizio e 3 domande a risposta multipla. A quest’ultime è assegnato un punteggio massimo di 2 punti ciascuna. Le restanti un punteggio massimo di 8 ognuna. La prova ha durata di 60 minuti. I criteri di valutazione fanno riferimento alla comprensione degli argomenti previsti dal programma di studio, alla capacità sia di sintesi sia comunicativa nonché di utilizzo di un linguaggio tecnico appropriato.

Testi

Brealey, Myers, Allen, Sandri, Principi di finanza aziendale, 7a edizione, McGraw-Hill.
Per favorire l’apprendimento si invitano gli studenti a prendere visione del materiale presente sulla piattaforma e-learning.

Altre informazioni