Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2018/2019
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in MANAGEMENT DELLE IMPRESE INTERNAZIONALI
Settore disciplinare: 
ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI (SECS-P/11)
Crediti: 
6
Anno di corso: 
2
Docenti: 
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Il corso di Economia degli intermediari finanziari intende sviluppare le competenze finanziarie degli studenti al fine di identificare le diverse componenti del sistema finanziario e le dinamiche finanziarie delle imprese internazionali. Il corso verrà sviluppato seguendo un percorso che parte dal quadro concettuale di funzionamento del sistema finanziario (intermediari, mercati e strumenti in essi negoziabili), si sofferma sulle logiche gestionali e operative degli intermediari finanziari (politiche di raccolta e di impiego; risk management, vigilanza, intermediazione creditizia, mobiliare e assicurativa) per arrivare ad analizzare il supporto che il sistema finanziario può dare allo sviluppo delle imprese internazionali (struttura finanziaria e decisioni di finanziamento).
Gli obiettivi di apprendimento del corso possono essere così declinati:
Conoscenza e capacità di comprensione: lo studente deve dimostrare di conoscere e saper comprendere le problematiche relative al funzionamento del sistema finanziario e delle sue componenti. Deve essere, inoltre, in grado di individuare e comprendere il supporto che il sistema finanziario può fornire alle imprese e, in particolar modo, alle imprese internazionali, per la ricerca dell’equilibrio ottimale tra capitale di terzi e capitale proprio.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione: al termine del corso, lo studente sarà in grado di individuare il profilo di rischio-rendimento degli strumenti e dei servizi finanziari e in particolar modo i costi dei servizi finanziari offerti dagli intermediari finanziari alle imprese.
Autonomia di giudizio: una volta apprese le modalità di funzionamento del sistema finanziario, lo studente sarà in grado di valutare in maniera autonoma le proposte di finanziamento degli intermediari finanziari giudicando il grado di coerenza (rischio-rendimento) con le decisioni di investimento delle imprese.
Abilità comunicative: lo studente deve avere la capacità di spiegare in maniera semplice come funzionano gli strumenti finanziari. Deve, inoltre, essere in grado di rispondere in modo chiaro, cogente e esaustivo sia alle domande della prova scritta sia a quelle dell’eventuale prova orale.
Capacità di apprendimento: lo studente deve dimostrare una buona capacità di apprendimento riuscendo ad approfondire le proprie conoscenze su riferimenti bibliografici pertinenti e di rilievo sul sistema finanziario.

Prerequisiti

Il corso è indirizzato agli studenti della Laurea triennale e richiede che i discenti abbiano appreso i contenuti base delle logiche di economia aziendale.

Contenuti

I principali argomenti trattati al corso saranno: le relazioni tra sistema finanziario e sistema reale; le teorie dell’intermediazione finanziaria; i rischi tipici dell’intermediazione finanziaria; gli strumenti finanziari; i mercati finanziari; l’intermediazione creditizia; l’intermediazione mobiliare; l’intermediazione assicurativa; la regolamentazione del sistema finanziario: politiche di controllo e Autorità; le innovazioni regolamentari e la vigilanza del sistema finanziario; la politica monetaria e il controllo del credito; la valutazione delle scelte di investimento; la struttura finanziaria dell’impresa.

Metodi didattici

Il corso sarà organizzato in lezioni frontali, esercitazioni sugli strumenti finanziari e sulla struttura finanziaria dell’impresa; approfondimenti sui finanziamenti per le imprese internazionali saranno forniti anche in modalità Blended.

Verifica dell'apprendimento

L’esame consta di una prova scritta ed una prova orale. La prova scritta è composta da 4/6 domande aperte sugli argomenti del programma. Il voto, in trentesimi, sarà il risultato delle due prove.
L’apprendimento in itinere viene accertato anche con simulazioni d’esame ed esercitazioni, entrambe senza voto.

Testi

Nadotti, Porzio, Previati (2017), Economia degli intermediari finanziari, McGraw-Hill;
Dispense a cura del docente.

Altre informazioni