Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2018/2019
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA CIVILE E PER LA TUTELA DELL'AMBIENTE COSTIERO
Sede: 
Napoli
Settore disciplinare: 
GEOTECNICA (ICAR/07)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
9
Anno di corso: 
2
Docenti: 
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
72

Obiettivi

Le finalità del Corso sono quelle di fornire agli studenti le conoscenze per effettuare verifiche di stabilità in costoni rocciosi e progettazione interventi di mitigazione del rischio frana.
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE: Tra i risultati di apprendimento del corso vi sono le seguenti conoscenze teoriche: Meccanica delle Rocce; Metodi per verifiche di stabilità di costoni rocciosi; Progettazione di interventi di stabilizzazione e di protezione al piede.
CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE: Tra i risultati di apprendimento del corso vi sono le seguenti conoscenze applicative: capacità di caratterizzare l’ammasso roccioso fratturato, di effettuare verifiche di stabilità e progettare interventi di mitigazione del rischio frana.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO: Tra i risultati di apprendimento del corso vi è la capacità di analisi autonoma delle seguenti problematiche: comprendere le applicazioni della meccanica delle rocce ai problemi di stabilità di costoni rocciosi, riconoscendo il ruolo dell’ingegnere civile in tale ambito, in un rapporto eticamente corretto con gli altri colleghi e con gli specialisti di altra formazione; capacità di identificare possibili e potenziali connessioni tra i vari aspetti di un argomento e/o di un problema;- capacità di comprendere come le tematiche trattate possano avere ricadute sociali e ambientali e temi di etica della professione, ambientali, sociali.
ABILITÀ COMUNICATIVE: Tra i risultati di apprendimento del corso vi è la capacità di veicolare ai propri interlocutori le problematiche inerenti le applicazioni della meccanica delle terre. In particolare, lo studente viene messo in grado di esporre in modo sintetico e, allo stesso tempo, chiaro le diverse tematiche sviluppate nel corso, definendo obiettivi, attività, strumenti
CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: Tra i risultati di apprendimento del corso vi è la capacità da parte dello studente di individuare possibilità di sviluppo ulteriore di conoscenze, abilità e competenze.

Prerequisiti

Sono necessarie le conoscenze di Meccanica delle terre

Contenuti

Presentazione degli obiettivi del corso (2 ore di lezione). Definizione di ammasso roccioso; discontinuità; orientazione; altre caratteristiche delle discontinuità; tecniche di rilievo delle discontinuità; tecniche di rappresentazione delle discontinuità (10 ore di lezione + 6 di esercitazione). Meccanismi di frana in ammassi rocciosi; scorrimento planare; scorrimento di un cuneo; ribaltamento; crollo (8 ore di lezione + 6 di esercitazione). Propagazione di frane in ammassi rocciosi: rotolamento di blocchi e rimbalzo (6 ore di lezione e 6 ore di esercitazione). Interventi di stabilizzazione: chiodature; ancoraggi; reti; imbragaggi (6 ore di lezione e 4 di esercitazione). Interventi di protezione al piede: Barriere paramassi; gallerie paramassi; rilevati e fossi paramassi. (6 ore di lezione + 4 di esercitazione). Azione del mare sulla stabilità dei costoni rocciosi (4 ore di lezione).

Metodi didattici

Didattica frontale

Verifica dell'apprendimento

L'esame si svolge per via orale e prevede, dopo una preliminare risoluzione di alcuni esercizi numerici, la discussione sugli aspetti teorici e di calcolo trattati durante il corso di insegnamento. Lo studente deve dimostrare la piena padronanza degli strumenti utilizzati per la risoluzione degli esercizi progettuali svolti e deve inoltre dimostrare di aver compreso gli aspetti formali, teorici e pratici del corso.

Testi

R. Ribacchi. Meccanica delle Rocce. Hevelius editore

Altre informazioni

Mutuazioni