Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2018/2019
Tipologia di insegnamento: 
A scelta dello studente
Tipo di attività: 
Opzionale
Corso di afferenza: 
Settore disciplinare: 
METODI MATEMATICI DELL'ECONOMIA E DELLE SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE (SECS-S/06)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Anno di corso: 
3
Docenti: 
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Il corso ha l'obiettivo di fornire le metodologie per la formalizzazione e la valutazione dei contratti assicurativi ramo vita; di introdurre alla costruzione di modelli per la misurazione dei premi, delle riserve tecniche e del Solvency Capital Requirement (SCR) nell’ambito della normativa Solvency II.
Conoscenza e capacità di comprensione:
Le conoscenze acquisite consentono allo studente la comprensione e l’inquadramento critico del problema della definizione, misurazione e del controllo del rischio nell’assicurazione vita; il dominio delle tecniche quantitative per il pricing di una polizza, per il calcolo delle riserve tecniche e per il calcolo dell’SCR nella standard formula. Inoltre lo studente acquisirà conoscenza del gergo di settore e delle corrispondenze linguistiche rilevanti (italiano-inglese).
Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Capacità di applicazione delle tecniche probabilistiche e statistiche ai fenomeni assicurativi; conoscenze delle basi di dati rilevanti per la gestione dei rischi tipici dell’assicurazione nell’ambito della normativa Solvency II; strumenti per il calcolo delle riserve tecniche di polizze non rivalutabili e rivalutabili (gestione separata). Strumenti critici per impostare e giudicare politiche gestionali finalizzate al controllo della solvibilità; strumenti critici per la valutazione della letteratura di settore.

Prerequisiti

Argomenti fondamentali del calcolo delle probabilità e dei processi stocastici, dei modelli dei mercati finanziari e della teoria delle decisioni in condizioni di incertezza.

Contenuti

I rami vita; la normativa Solvency II. Le polizze dei rami vita, alcuni esempi.
I - Fondamentali della matematica attuariale (8 ore)
Il modello probabilistico per la durata della vita umana: la durata della vita umana, le notazioni attuariali standard

II - Le polizze tradizionali non rivalutabili (16 ore)
Classificazione in base alla tipologia di prestazioni; classificazione in base alla tipologia di premio.
La riserva matematica
Il valore intrinseco
III – Le polizze rivalutabili (24 ore)
La formalizzazione della regola di rivalutazione, le opzioni implicite nella rivalutazione. La valutazione mark-to-market. Risk-driver tecnici e di mercato. La componente finanziaria e la componente tecnica. La distribuzione di probabilità e il Solvency Capital Requirement; la struttura della standard formula.

Metodi didattici

Lezioni frontali. Esercitazioni in laboratorio in presenza mediante l’uso di strumenti software (Excel). Le conoscenze acquisite saranno costantemente stimolate nella loro applicazione mediante analisi di casi di studio.

Verifica dell'apprendimento

La valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati avviene mediante lo svolgimento di una prova scritta tesa a valutare le capacità operative ed un colloquio orale teso a verificare il grado di conoscenza teorica e le capacità espositive dello studente. In dettaglio, gli studenti dovranno sostenere una prova, da svolgersi con l'ausilio di Excel della durata di 90 minuti, composta da tre esercizi relativi all’applicazione di formule e algoritmi per: 1. calcolo premi e riserve tecniche delle polizze non rivalutabili; 2. valutazione mark-to-market delle polizze non rivalutabili; 3. calcolo dell’SCR nella standard formula. Il punteggio massimo, in trentesimi, attribuibile all’esercizio 1. è pari a 12, agli esercizi 2. e 3. è pari a 9. La prova scritta si intende superata, consentendo l’accesso al colloquio orale, se lo studente ottiene almeno un punteggio pari a 8 per l’esercizio 1., e pari a 5 per ciascuno degli esercizi 2. e 3.
Il colloquio orale si compone di due domande che vertono sugli aspetti teorici relativi alla valutazione delle grandezze caratteristiche di una polizza vita; pricing, rischio e riserva. Per ciascuna domanda il punteggio massimo ottenibile è pari a 15; la prova orale si intende superata se lo studente consegue un punteggio almeno pari a 9 per ciascuna delle due risposte.
Il voto, in trentesimi, sarà la media dei punteggi delle due prove.

Testi

Gerber, H.U., Life Insurance Mathematics, Springer, 2011,
Castellani, G., De Felice, M., Moriconi, F., Manuale di finanza III. Modelli stocastici e contratti derivati, Bologna, Il Mulino, 2006.
De Felice, M., Moriconi, F., Finanza dell'assicurazione sulla vita. Principi per l'asset-liability management per la misurazione dell'embedded value,Giornale dell'Istituto Italiano degli Attuari, LXV(2002), 1-2.
De Felice, M., Moriconi, F.,Market Based Tools for Managing the Life Insurance Company, Astin Bulletin, 35(2005), 1.
Gerber, H.U., Life Insurance Mathematics, Springer, 2011,
Castellani, G., De Felice, M., Moriconi, F., Manuale di finanza III. Modelli stocastici e contratti derivati, Bologna, Il Mulino, 2006.
De Felice, M., Moriconi, F., Finanza dell'assicurazione sulla vita. Principi per l'asset-liability management per la misurazione dell'embedded value,Giornale dell'Istituto Italiano degli Attuari, LXV(2002), 1-2.
De Felice, M., Moriconi, F.,Market Based Tools for Managing the Life Insurance Company, Astin Bulletin, 35(2005), 1.
Pacati, C., Appunti delle lezioni di matematica attuariale delle assicurazioni sulla vita, 2013. Disponibile all'indirizzo: https://drive.google.com/file/d/1Bp9UuixR5_8E-XZmyY5i_zq1qAH_itFU/view
Pitacco, E., Matematica e tecnica attuariale delle assicurazione sulla durata di vita, LINT, 2008.

Altre informazioni