Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2018/2019
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Settore disciplinare: 
DIRITTO INTERNAZIONALE (IUS/13)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Anno di corso: 
2
Docenti: 
Dott.ssa QUADRI SUSANNA
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Scopo del corso è accrescere la consapevolezza del ruolo centrale che rivestono le problematiche relative alla tutela delle risorse a livello internazionale ed europeo, nonché la cultura giuridica in materia, con particolare riferimento alla stretta connessione sussistente tra protezione delle risorse e produzione ed impiego dell’energia. Particolare attenzione sarà dedicata ai temi del risparmio energetico, dell’efficienza energetica e dell’energia rinnovabile, di grande attualità

Prerequisiti

Capacità di ragionamento. Alcune conoscenze di base di diritto internazionale possono facilitare l’apprendimento, se già possedute dallo studente

Contenuti

Blocco 1 (16 ore): La comunità internazionale, i soggetti e le fonti del diritto internazionale.
Blocco 2 (16 ore): Il sistema relativo alla tutela internazionale delle risorse.
Blocco 3 (16 ore): L’applicazione del diritto internazionale ed europeo dell’ambiente al settore dell’energia: principali convenzioni internazionali, Soft Law, documenti dell’UE e direttive fondamentali in materia, riduzione delle emissioni nocive e lotta al cambiamento climatico, risparmio energetico, efficienza energetica ed energia rinnovabile

Metodi didattici

Il corso prevede lezioni frontali durante le quali verranno discussi i temi del programma; durante le lezioni sono trattate anche tematiche applicative, favorendo l’interazione degli studenti nella discussione

Verifica dell'apprendimento

La verifica si basa su una prova orale strutturata al fine di valutare il conseguimento da parte dello studente degli obiettivi formativi. Per valutare l’acquisizione e la profondità di apprendimento delle conoscenze da parte degli studenti, sono contemplate sia domande aperte sugli argomenti del programma, nelle cui risposte gli studenti dovranno dar prova di saper esporre i concetti fondamentali appresi durante il loro studio; sia domande più specifiche, per valutare la capacità di ragionamento degli studenti e l’idoneità degli stessi a dedurre conclusioni logiche passando dalla teoria a casi pratici. La votazione orale viene espressa in trentesimi

Testi

- Blocco 1: Ciciriello, Borgia, Il diritto internazionale nella società globalizzata, Editoriale Scientifica, Napoli, u.e., cap. 1-5 .
- Blocco 2: Munari, Schiano di Pepe, Tutela transnazionale dell’ambiente, il Mulino, Bologna, u.e., Cap. 1.
- Blocco 3: Quadri, Energia sostenibile, Giappichelli, Torino, u.e..

Altre informazioni

Conoscenza e capacità di comprensione: lo studente deve comprendere le problematiche relative alla tutela delle risorse; deve inoltre dimostrare conoscenza della disciplina in materia.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: lo studente deve dimostrare di saper applicare le conoscenze acquisite a vicende ipoteticamente verificate nella prassi. Durante le ore dedicate all’apprendimento (lezioni frontali, eventuali seminari di approfondimento e verifiche intermedie), il docente verificherà le capacità d’applicazione delle conoscenze attraverso lo studio esplorativo di casi specifici.

Autonomia di giudizio: lo studente deve essere in grado di ragionare autonomamente sulle scelte di governance relative alla tutela delle risorse, a livello internazionale ed europeo.

Abilità comunicative: lo studente deve esporre in modo chiaro ed esaustivo le risposte ai quesiti della prova d’esame finale (orale).

Capacità di apprendimento: lo studente deve mostrare padronanza riguardo alle nozioni di base, nonché capacità di applicare le nozioni acquisite ai casi pratici ed alle fattispecie oggetto di discussione; inoltre, deve saper approfondire i
contenuti proposti dal docente attraverso l’analisi autonoma di ulteriori riferimenti presenti in dottrina