Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2018/2019
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E INTERNAZIONALI
Settore disciplinare: 
ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI (SECS-P/11)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Anno di corso: 
2
Docenti: 
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Obiettivi formativi
Il corso di Corporate&Investment Banking intende sviluppare le competenze in tema di gestione di una specifica categoria di intermediari finanziari dediti alla finanza di lungo periodo e con obiettivi di gestione sia del credito che del rischio diretto.

Prerequisiti

Modalità di svolgimento del corso
Il corso sarà organizzato in lezioni frontali mediante l’ausilio di slides a copertura dell’intero programma di insegnamento. Il corso seguirà l'impostazione del libro di testo principale, mentre per alcuni argomenti verranno forniti degli approfondimenti sotto forma di case study o di letture aggiuntive. Alle lezioni frontali teoriche sono affiancati anche sistematici interventi esterni da parte di operatori del mercato finanziario. Inoltre, dopo le prime due settimane, sono previste esercitazioni applicative dei principali temi quantitativi trattati nel corso del programma.
Infine, per tutta la durata del corso è prevista la distribuzione di una copia del Sole 24Ore al fine di stimolare la lettura delle principali tabelle che concernono gli strumenti del mercato bancario, assicurativo e finanziario, con il supporto anche della versione on line del quotidiano

Contenuti

Modulo - 3 CFU (24 ore)
Il mercato, le istituzioni e gli strumenti: struttura dei servizi di corporate e investment banking in Italia, il confronto con le realtà internazionali, effetti, cause e conseguenti cambiamenti della crisi sistemica sui sistemi bancari, le origini dell’investment banking, la corporate governance degli intermediari e l’investment banking, la valutazione delle aziende oggetto di investimento nelle diverse soluzioni di intervento delle banche di corporate&investment banking
Le attività sul mercato dei capitali: il private equity e le imprese familiari, il venture capital e le nuove aziende, quotazione delle imprese e intermediari finanziari, IPO-aumenti di capitale-spin off, delisting, i corporate bond e i minibond ed il mercato di quotazione, il mezzanine finance (cenni), altre forme di finanza strutturata. La struttura del corporate banking nel mercato italiano.
Modulo – 3 CFU (24 ore)
Servizi di advisory ed operazioni di riassetto aziendale: servizi bancari connessi alla ristrutturazione, la gestione diretta o endogena delle crisi di impresa e i ruoli di advisory e management, ruolo degli intermediari nelle operazioni di acquisizione e fusione (M&A), intermediari e leveraged buy out, management buy.out, ristrutturazione delle imprese in crisi ed evoluzione della normativa in materia
Credito e finanza strutturata: financial risk management, enterprise risk management (cenni), la valutazione del credito nel corporate banking, il project finance, la securitization, i credit derivatives, le cartolarizzazioni sintetiche (cenni), struttura funzione e rischi degi strumenti derivati e dei prodotti complessi fra hedging e speculazione.

Metodi didattici

Modalità di svolgimento del corso
Il corso sarà organizzato in lezioni frontali mediante l’ausilio di slides a copertura dell’intero programma di insegnamento. Il corso seguirà l'impostazione del libro di testo principale, mentre per alcuni argomenti verranno forniti degli approfondimenti sotto forma di case study o di letture aggiuntive. Alle lezioni frontali teoriche sono affiancati anche sistematici interventi esterni da parte di operatori del mercato finanziario. Inoltre, dopo le prime due settimane, sono previste esercitazioni applicative dei principali temi quantitativi trattati nel corso del programma.
Infine, per tutta la durata del corso è prevista la distribuzione di una copia del Sole 24Ore al fine di stimolare la lettura delle principali tabelle che concernono gli strumenti del mercato bancario, assicurativo e finanziario, con il supporto anche della versione on line del quotidiano

Verifica dell'apprendimento

Modalità di verifica apprendimento
L’acquisizione delle conoscenze fondamentali avviene con un esame scritto che verte su 8 domande aperte sull’intero programma di esame con l’assegnazione di uno spazio di risposta vincolante e cioè un foglio protocollo di 4 pagine in modo da valutare idoneamente anche la capacità di sintesi del candidato e l’effettiva aderenza della risposta alla specifica domanda rivoltà.
La valutazione del candidato verterà su una analisi circa l’utilizzo di un linguaggio tecnico appropriato, l’autonomia di giudizio e l’approfondimento degli argomenti che verranno presentati in modo da incrociare più aspetti (e quindi più capitoli) del programma
Gli studenti frequentanti almeno l’80% delle lezioni svilupperanno un progetto di ricerca su temi specifici che saranno oggetto di valutazione insieme ad un test di verifica.
La valutazione dei candidati avverrà attraverso la verifica delle conoscenze tecniche, della capacità di presentazione in pubblico e nel confronto di gruppo, della abilità nella esposizione tecnica e del corretto utilizzo delle tecniche e dei materiali informativi
Il superamento con valutazione positiva della prova di gruppo relativa al progetto di ricerca è condizione necessaria per la ammissione al test di verifica. Quest’ultimo può essere ripetuto in caso di mancato superamento negli appelli successivi senza ripetere la prova di gruppo.
Il test verte su 20 domande a risposta chiusa con 4 opzioni sull’intero programma di esame con un tempo a disposizione di 30’ in coerenza con gli standard europei delle prove di valutazione professionale nel settore.

Testi

Testi di riferimento
 Giancarlo Forestieri, Corporate e investment banking, EGEA, ultima edizione (il programma del corso ripercorre la struttura dei capitoli del testo).
 Files di power point a cura del docente e dei testimoni per i partecipanti al corso.
 Nell’ambito del corso saranno inoltre inviati per posta elettronica ai partecipanti business plan, financial plan e report che costituiranno il materiale per la discussione in aula degli argomenti del programma.

Altre informazioni

Conoscenza e capacità di comprensione: Il corso verrà sviluppato seguendo un percorso che consento la familiarizzazione dello studente aspetti rilevanti in ordine al ruolo degli specifici intermediari finanziari, dei mercati finanziari e degli strumenti in essi negoziabili, ciascuno peraltro dotato di peculiari caratteristiche distintive e di proprie condizioni di efficienza e redditività.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Le logiche gestionali e operative delle diverse aree di business dei singoli intermediari specializzati (politiche di raccolta e impiego; risk management, vigilanza e controlli, intermediazione creditizia e mobiliare) verranno affrontate con l’intento di fornire le necessarie competenze in ordine alla valutazione dei profili di equilibrio economico finanziario degli attori del sistema finanziario.
Autonomia di giudizio: Lo studente deve dimostrare di aver sviluppato una capacità critica per valutare in maniera autonoma dei profili di equilibrio economico finanziario degli attori del sistema finanziario.
Abilità comunicative: Lo studente deve essere in grado di comunicare i risultati delle analisi condotte con l'ausilio di relazioni e grafici sintetici; deve essere capace di utilizzare correttamente il linguaggio tecnico tipico degli intermediari finanziari dediti alla finanza di lungo periodo.
Capacità di apprendimento: Lo studente deve essere in grado di aggiornare le proprie conoscenze consultando sia testi divulgativi (le pagine di quotidiani e riviste specialistiche) che documenti ufficiali di operatori del mercato finanziario.