Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2015/2016
Tipologia di insegnamento: 
A scelta dello studente
Tipo di attività: 
Opzionale
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in ECONOMIA AZIENDALE
Sede: 
Napoli
Settore disciplinare: 
DIRITTO PRIVATO (IUS/01)
Crediti: 
6
Anno di corso: 
3
Docenti: 
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Qui l’obiettivo di fondo è la pratica degli aspetti legali dell’amministrazione di un condominio e quindi, dal punto di vista delle figure professionali, la competenza legale dell’amministratore di condominio. Ciò non toglie naturalmente che un’esperienza di formazione di questo tipo possa essere utilmente spesa anche per finalità di carattere personale - considerata la notevole diffusione di abitazioniin edifici sottoposti alla disciplina del condominio -, oppure per incarichi professionali di natura diversa,esercitati eventualmente su delega di un cliente che abita in un edificio in condominio.
Da un punto di vista più generale il corso consente un consolidamento dell’esperienza formativa acquisita nel corso di diritto privato e quindi delle abilità e delle nozioni acquisite in quella sede. Per esempio, con riferimento a valori formativi apicali della formazione giuridica, l’autonomia di giudizio e la capacità di applicare conoscenze si consolidano con l’esperienza di valutazione della validità di alcune delibere condominiali, e di applicazione anche alle suddette delibere delle regole d’interpretazione dei contratti. Naturalmente, anche alla luce dell’esperienza maturata nel corso di diritto privato, lo studente può qui più disinvoltamente utilizzare i principali strumenti occorrenti per la pratica delle valutazioni giuridiche (testi giurisprudenziali e dottrinali). Si sviluppa così anche quella capacità di autonomo sviluppo delle conoscenze che rientra tra i fondamentali obiettivi formativi della preparazione universitaria complessivamente considerata.
Particolare cura è riservata anche alle abilità comunicative: per esempio tramite l’esperienza della stesura di (parti di) un verbale di assemblea condominiale relativo a discussioni di particolare rilevanza anche sul piano giuridico.
La pratica della lettura di testi giurisprudenziali e dottrinali, a cui si è fatto precedentemente cenno, è poi integrata dalla lettura di testi meno raffinati dal punto di vista tecnico-giuridico, come per esempio verbali di assemblea condominiale, comunicazioni dell’amministratore ai condomini, lettere di affidamento di incarichi professionali ecc. Si sperimenta così la capacità di adattare i criteri di comprensione di un testo alla tipologia alla quale esso appartiene.

Prerequisiti

superamento dell'esame di diritto privato.

Contenuti

Dal punto di vista dei contenuti, la tematica specificamente affrontata riguarda gli aspetti legali dell’esperienza di amministrazione del condominio negli edifici ed in genere dell’esperienza dei rapporti che si costituiscono tra i condomini: all’interno del condominio e con soggetti estranei ad esso. Tuttavia questo nucleo tematico del corso non può prescindere da una considerazione più ampia dell’esperienza giuridica della comunione dei diritti reali, con particolare riguardo ai punti in cui la regolamentazione generale della comunione dei diritti reali governa anche quella più specifica del condominio negli edifici.
Non è possibile in questa sede indicare le altre specifiche articolazioni della intera tematica trattata nel corso, sarà comunque dato risalto alle tematiche oggetto della recente riforma della normativa sul condominio degli edifici, mentre per il resto basta una scorsa del codice civile per farsi un’idea approssimativa degli argomenti del corso.

Metodi didattici

La metodologia del corso ricalca quella innovativa sperimentata nel corso di diritto privato: impostata – secondo i canoni della problem based learning e di specifiche esperienze di teoria e pratica dell’insegnamento dello scrivente - sullo sviluppo della capacità di giudizio del discente piuttosto che sulla tradizionale ricezione passiva di nozioni teoriche, di scarsa utilità in una società in cui il patrimonio di nozioni è sottoposto Particolare cura è riservata anche alle abilità comunicative: per esempio tramite l’esperienza della stesura di (parti di) un verbale di assemblea condominiale relativo a discussioni di particolare rilevanza anche sul piano giuridico.
La pratica della lettura di testi giurisprudenziali e dottrinali, a cui si è fatto precedentemente cenno, è poi integrata dalla lettura di testi meno raffinati dal punto di vista tecnico-giuridico, come per esempio verbali di assemblea condominiale, comunicazioni dell’amministratore ai condomini, lettere di affidamento di incarichi professionali ecc. Si sperimenta così la capacità di adattare i criteri di comprensione di un testo alla tipologia alla quale esso appartiene.
ad un processo di rapida obsolescenza.

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell’apprendimento - cioè, in altri termini, dell’effettivo conseguimento degli obiettivi formativi programmati - riflette il carattere seminariale dell’insegnamento riproducendone la natura fondamentalmente dialogica e l’impostazione generale del corso ispirata, come si è detto, ai canoni della problem based learning. Lo studente, che avrà svolto una prova scritta in aula settimanale (a partire dalla seconda settimana di corso) ed altri esercizi scritti a casa,tratterà gli argomenti di esame proposti dal docente mediante l’illustrazione degli esercizi svolti durante il corso. Occorre precisare che gli esercizi, vistati dal docente, potranno essere rielaborati dallo studente a fine preparazione, nei casi in cui ritenga che la preparazione acquisita a fine corso gli consenta di conseguire un risultato migliore; all’esame quindi lo studente avrà la possibilità di esibire l’esercizio originario e quello successivamente rielaborato illustrando le ragioni della successiva rielaborazione (esercizio di autovalutazione).
L’impostazione innovativa del corso consente di prescindere da testi di esame tradizionalmente intesi, dei quali lo studente debba riferire in sede di esame i contenuti. Infatti la preparazione - oltre che d’una imprescindibile rilettura di alcuni argomenti del manuale di diritto privato - si avvale soltanto dell’esercizio di lettura critica svolto sulla documentazione (provvedimenti giurisdizionali, passi di dottrina, verbali di assemblea condominiale, testi contrattuali, ecc. ) fornita dal docente e utilizzata per gli esercizi svolti in aula e a casa.

Testi

I testi di riferimento sono costituiti, oltre che dal codice civile e dalla restante normativa in tema di diritto del condominio, da materiale giurisprudenziale e da diversa documentazione inerente alla pratica condominiale; saranno utilizzati anche articoli di giornali

Altre informazioni

Mutuazioni