Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2017/2018
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Opzionale
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in MANAGEMENT DELLE IMPRESE TURISTICHE
Settore disciplinare: 
ORGANIZZAZIONE AZIENDALE (SECS-P/10)
Crediti: 
6
Anno di corso: 
3
Docenti: 
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Il corso di “Organizzazione degli eventi culturali” si propone di far acquisire ai partecipanti una conoscenza approfondita sul tema degli eventi, in particolare degli eventi culturali, che rappresentano un tema di grande attualità nel panorama del leisure. Infatti studiosi ed operatori d’azienda ne riconoscono un peso crescente nelle politiche di sviluppo del territorio e di promozione turistica. La finalità ultima è quella di consentire ai partecipanti di acquisire nozioni, conoscenze e competenze tali che:
• siano in grado di comprendere vantaggi e svantaggi delle prassi finalizzate a pianificare e gestire efficacemente eventi culturali;
• siano in grado di applicare consapevolmente le politiche di pianificazione e gestione degli eventi culturali a qualsiasi livello di analisi organizzativa, micro (gestione delle risorse umane o in generale degli attori coinvolti nel processo di organizzazione e gestione degli eventi), meso (definizione di modelli di configurazione organizzativa per gli eventi culturali), macro (adozione di un approccio reticolare con la formazione di network per pianificare, organizzare e gestire eventi culturali).
Complessivamente, il corso mira a forgiare figure professionali competenti nell’analisi, pianificazione, organizzazione e gestione degli eventi culturali, focalizzando l’attenzione sulle dinamiche organizzative capaci di rendere gli eventi culturali una leva di promozione del territorio e del turismo in generale.
1)Conoscenza e capacità di comprensione.
Lo studente deve dimostrare di aver acquisito una conoscenza di base in merito alle principali nozioni e politiche di pianificazione e gestione degli eventi culturali, con particolare approfondimento delle dinamiche relazionali e conflittuali, e dei temi della leadership e del project management ed event management, adottando una prospettiva di lettura organizzativa al fine di identificare e sperimentare strumenti e politiche capaci di pianificare e gestire efficacemente ed efficientemente gli eventi culturali per ogni attore coinvolto (micro: event manager; meso: organizzazione deputata a gestire eventi culturali; macro: network di organizzazioni per gli venti culturali).
Lo studente deve dimostrare la capacità di cogliere le interconnessioni fra i diversi costrutti e le diverse prospettive di analisi dei medesimi, mettendo a frutto le spiegazioni delle tematiche illustrate e gli stimoli dati durante il corso, i seminari e le esercitazioni.
2) Capacità di applicare conoscenza e comprensione.
Lo studente deve essere in grado di applicare le nozioni apprese a casi concreti e contesti specifici, con un riscontro concreto e attuali nell’ambito del settore turistico, in cui il sub-segmento degli eventi culturali si pone, a dimostrazione della ormai completa e acquisita conoscenza e comprensione dei principi fondamentali di studio della pianificazione, organizzazione e gestione degli eventi culturali. Le esercitazioni mirano allo sviluppo e alla verifica di tali capacità applicative.
3) Autonomia di giudizio.
Lo studente deve essere in grado di esprimere il proprio punto di vista assumendo posizioni argomentate secondo logica scientifica e intuito personale, consone e sostenibili in relazione alle tematiche oggetto del corso.
4) Abilità comunicative.
Lo studente deve sapersi esprimere con proprietà di linguaggio e consapevolezza dei propri vissuti emotivi, intelligibili attraverso il linguaggio paraverbale e non-verbale.
5) Capacità di apprendimento.
Lo studente deve essere in grado di costruire per ciascuna categoria concettuale inclusa nel programma d’esame mappe mentali chiare ed esaustive in relazione ai singoli costrutti afferenti lo studio dell’organizzazione degli eventi culturali, utilizzando le nomenclature caratteristiche della disciplina.

Prerequisiti

Conoscenza dei principi di base dell’Organizzazione Aziendale (livelli micro, meso e macro di analisi organizzativa).

Contenuti

Il corso si ispira ad un approccio teorico e pratico, focalizzandosi sullo sviluppo di concetti e strategie operative che contribuiscano a incrementare l’efficace sviluppo di politiche e prassi operative, attraverso le quali la figura del manager, più precisamente dell’event manager, possa pianificare, organizzare e gestire efficacemente ed efficientemente eventi culturali motivando e stimolando i propri collaboratori e creando una rete efficace e consapevole di attori coinvolti nel processo di organizzazione e gestione degli eventi culturali.
Gli argomenti del corso sono riconducibili a due grandi classi:
1) -Parte 1: 24 ore- L’importanza strategica dell’organizzazione e gestione degli eventi culturali in una prospettiva di promozione e sviluppo del territorio e del turismo in generale. I diversi livelli di analisi organizzativa (micro, meso e macro) sono investigati per permettere di formare figure professionali (event manager) capaci di pianificare e gestire gli eventi culturali nella loro globalità (reclutamento e selezione dello staff dedicato agli eventi culturali, formazione dello staff, programmazione e pianificazione dell’intero processo di organizzazione e gestione degli eventi culturali, decision-making process per gli eventi culturali, dinamiche organizzative e relazionali emergenti tra le organizzazioni coinvolte nel processo di organizzazione e gestione degli eventi culturali);
2) -Parte 2: 24 ore- Gli approcci del project management e dell’event management con focus su eventi culturali.

Metodi didattici

Lezioni frontali, incontri seminariali di presentazione di casi aziendali concreti con testimoni scelti di eccellenza del settore turistico con focus sugli eventi culturali, esercitazioni in aula sull’organizzazione degli eventi culturali, sviluppo di un project work finale.

Verifica dell'apprendimento

Esame scritto articolato in quattro domande a risposta aperta da cinque punti ciascuna, e una domanda a risposta aperta da dieci punti, inerenti gli argomenti indicati nel programma.
Esame orale (per I candidati che superano la prova scritta con un punteggio pari almeno a 18/30), articolato in domande che partono da eventuali lacune dello scritto, per poi spaziare su tutto il resto del programma di esame.
La prova scritta e l’esame orale sono finalizzati alla verifica del livello di apprendimento dei principi, delle nozioni e degli argomenti indicati nel programma.
Tale verifica sarà condotta in base ai seguenti criteri: livello di conoscenza e approfondimento dei principi di studio dell’organizzazione degli eventi culturali; proprietà di linguaggio e chiarezza espositiva.

1. Numero delle prove che concorrono alla valutazione: 2
2. Obiettivo della prova: verifica del livello di apprendimento dello studente su aspetti fondamentali della materia
3. Modalità di somministrazione (scritto, orale, pratico): scritto e orale
4. Tempistica di svolgimento: in base al calendario di esami
5. Durata: prova scritta 1 ora; prova orale da 10 a 30 minuti circa
6. Tipologia (es. prova scritta a risposta chiusa, prova pratica, colloquio, ecc.): prova scritta a risposte aperte + colloquio
7. Misurazione conclusiva della prova d’esame: lo studente raggiungerà il punteggio minimo qualora riuscirà a dimostrare l’acquisizione di conoscenze di base relative allo studio degli eventi culturali. Lo studente otterrà il punteggio massimo quando dimostrerà di aver compreso, approfondito e introiettato tutti gli argomenti indicati nel programma, risultando in grado, altresì, di cogliere le interconnessioni fra gli stessi, e di fornire esempi applicativi concreti in relazione anche alle loro implicazioni pratiche.

Testi

Varriale L. (2008). L’organizzazione degli eventi. Giappichelli Ed. Torino.

Cerri, R. (2008). Eventi culturali e percorsi di formazione. Aracne.

Ferrarese, P. (2012). Lineamenti di report per le aziende di cultura: elementi di project management degli eventi culturali. Cafoscarina.

Altre informazioni

Mutuazioni