Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2017/2018
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in MANAGEMENT DELLE IMPRESE TURISTICHE
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
9
Anno di corso: 
2
Docenti: 
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
72

Obiettivi

L’obiettivo del corso è quello di introdurre lo studente all’economia del turismo. Al termine del corso lo studente dovrà dimostrare di conoscere e saper comprendere, anche in un’ottica multidisciplinare, le problematiche relative alle caratteristiche del settore del turismo, alle scelte economiche dei turisti sulle destinazioni turistiche, alle caratteristiche delle principali imprese che operano nel turismo, ai problemi che economici che esse incontrano nella formazione del prodotto turistico, ali effetti del turismo sull’economia e sullo sviluppo, all’intervento dello Stato per attenuare i fattori che portano al fallimento del mercato.
Le conoscenze acquisite faranno sì che lo studente sia in grado di produrre analisi quali-quantitative di settore, di saper realizzare prodotti turistici e saperne determinare i prezzi, di saper progettare politiche di turistiche nella destinazione turistica di saper interpretare il ruolo dell'intervento pubblico nel mercato turistico e di saper valutare l’efficacia delle politiche nella soluzione delle esternalità prodotte dalle imprese turistiche.
Lo studente deve acquisire autonomia di giudizio e capacità critiche nella interpretazione delle tematiche analizzate. Deve saper dimostrare di conoscere le principali metodologie di analisi. Deve acquisire adeguate capacità comunicative ovvero saper spiegare, in maniera semplice, a persone non esperte gli argomenti appresi nel corso e saper produrre brevi elaborati scritti con l’ausilio di adeguare ricerche bibliografiche.

Prerequisiti

E’ necessaria la conoscenza delle basi di Economia Politica e quindi è necessario aver superato Istituzioni di Economia Politica

Contenuti

Il corso è organizzato in tre moduli.

I Modulo: Corrispondente a circa 16 ore di lezione frontale (2 cfu)

Introduzione all’economia del turismo: definizioni di turismo, omogeneità e pluralità del prodotto turistico, come si misura il fenomeno turistico. Il settore turistico, la contabilità del settore, l’approccio dell’offerta e della domanda, il turismo nella contabilità nazionale, l’occupazione nel settore turistico. L’economia delle destinazioni, la domanda turistica, la destinazione turistica, la politica del prezzo della destinazione, le fasi di sviluppo della destinazione.
Testo consigliato: G. Candela, P, Figini, Economia del Turismo e delle Destinazioni, McGraw-Hill 2010, Milano
Capitoli: 1, 2 e 3

II Modulo: Corrispondente a circa 32 ore di lezione frontale (4 cfu)

Macroeconomia del Turismo: Il moltiplicatore della spesa turistica, turismo ed economia regionale, turismo e sviluppo economico. I beni e i mali pubblici, le esternalità del prodotto turistico, l’intervento dello stato. Il turismo sostenibile, relazione tra ambiente e turismo, la capacità di carico e i metodi di monitoraggio ambientale
Testo consigliato: G. Candela, P, Figini, Economia del Turismo e delle Destinazioni, McGraw-Hill 2010, Milano
Capitoli: 12, 14 e 15

III modulo: Corrispondente a circa 24 ore (3 cfu)

Microeconomia del Turismo: Il turista consumatore, le scelte di acquisto di un prodotto turistico, il turista autoproduttore, il tempo nel consumo turistico, le caratteristiche qualitative del prodotto turistico, nuovi prodotti, l’informazione nelle scelte del turista. La produzione nel turismo, tassonomia della produzione turistica, la produzione e la commercializzazione della vacanza organizzata, il problema della stagionalità. Le imprese di produzione e distribuzione della vacanza: tour oparator e agenzia di viaggio. Le imprese di produzione di servizi turistici: le imprese ricettive, di trasposto e imprese di organizzazione di eventi. Lo yield management. I mercati turistici, le forme di mercato, la differenziazione del prodotto, l’informazione asimmetrica, search ed experience good. I contratti nel mercato turistico, contratti di assicurazione, contratti di acquisto dei servizi turistici, i contratti tra operatori turistici, l’informazione asimmetrica nei contratti incompleti.
Testo consigliato: G. Candela, P, Figini, Economia del Turismo e delle Destinazioni, McGraw-Hill 2010, Milano
Capitoli: 4, 5, 6, 7, 8, 9 e 10

Introduzione all’economia del turismo: definizioni di turismo, omogeneità e pluralità del prodotto turistico, come si misura il fenomeno turistico. Il settore turistico, la contabilità del settore, l’approccio dell’offerta e della domanda, il turismo nella contabilità nazionale, l’occupazione nel settore turistico. L’economia delle destinazioni, la domanda turistica, la destinazione turistica, la politica del prezzo della destinazione, le fasi di sviluppo della destinazione.
Testo consigliato: G. Candela, P, Figini, Economia del Turismo e delle Destinazioni, McGraw-Hill 2010, Milano
Capitoli: 1, 2 e 3

Macroeconomia del Turismo: Il moltiplicatore della spesa turistica, turismo ed economia regionale, turismo e sviluppo economico. I beni e i mali pubblici, le esternalità del prodotto turistico, l’intervento dello stato. Il turismo sostenibile, relazione tra ambiente e turismo, la capacità di carico e i metodi di monitoraggio ambientale
Testo consigliato: G. Candela, P, Figini, Economia del Turismo e delle Destinazioni, McGraw-Hill 2010, Milano
Capitoli: 12, 14 e 15

Microeconomia del Turismo: Il turista consumatore, le scelte di acquisto di un prodotto turistico, il turista autoproduttore, il tempo nel consumo turistico, le caratteristiche qualitative del prodotto turistico, nuovi prodotti, l’informazione nelle scelte del turista. La produzione nel turismo, tassonomia della produzione turistica, la produzione e la commercializzazione della vacanza organizzata, il problema della stagionalità. Le imprese di produzione e distribuzione della vacanza: tour oparator e agenzia di viaggio. Le imprese di produzione di servizi turistici: le imprese ricettive, di trasposto e imprese di organizzazione di eventi. Lo yield management. I mercati turistici, le forme di mercato, la differenziazione del prodotto, l’informazione asimmetrica, search ed experience good. I contratti nel mercato turistico, contratti di assicurazione, contratti di acquisto dei servizi turistici, i contratti tra operatori turistici, l’informazione asimmetrica nei contratti incompleti.
Testo consigliato: G. Candela, P, Figini, Economia del Turismo e delle Destinazioni, McGraw-Hill 2010, Milano
Capitoli: 4, 5, 6, 7, 8, 9 e 10

Metodi didattici

IL corso è organizzato in lezioni frontali. Dopo una prima parte del corso è prevista una prova intermedia consistente in una prova scritta con domande aperte con lo scopo di verificare il grado di apprendimento degli studenti e, eventualmente, apportare correzioni e approfondimenti del programma svolto. Sono previsti inoltre seminari svolti da esperti oppure la visione di filmati e letture di articoli sui temi del turismo e delle politiche per il turismo.

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell’apprendimento si basa su una prova di esame scritto composto da domande aperte, nelle quali viene chiesto agli studenti di illustrare in maniera critica alcuni argomenti trattati al corso. Per i corsisti la valutazione si basa anche sui risultati della prova intermedia e sulla discussione che si è svolta in occasione dei seminari e della lettura degli articoli.

Testi

G. Candela, P, Figini, Economia del Turismo e delle Destinazioni, McGraw-Hill 2010, Milano

Altre informazioni