Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2017/2018
Tipologia di insegnamento: 
Base
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea Magistrale Ciclo Unico 5 anni in GIURISPRUDENZA
Sede: 
Napoli
Settore disciplinare: 
DIRITTO ROMANO E DIRITTI DELL'ANTICHITA' (IUS/18)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
9
Anno di corso: 
1
Docenti: 
Prof. DOVERE Elio
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
72

Obiettivi

L'acquisizione di competenze di base storico
L'acquisizione di competenze di base storico-giuridiche
indispensabili
per
l'avvio
dell'apprendimento universitario specialistico
del diritto.
L'acquisizione
di un iniziale lessico giuridico
e, assieme, la capacità di utilizzare
categorie giuridiche concettuali di base
utili al prosieguo dello studio delle
discipline
giusprivatistiche
e
giuspubblicistiche.

Più nello specifico, il corso mira a far acquisire le seguenti competenze e capacità:

I) Conoscenza e capacità di comprensione:
il corso offre gli strumenti per percepire la dimensione storica del diritto, l’esistenza di un sistema giuridico ordina mentale, la necessità di abilità esegetiche nell’approccio ai testi giuridici.

II) Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Il corso si caratterizza per un approccio critico e pratico. Esso mira a sollecitare la riflessione degli studenti sulle implicazioni delle fonti esaminate: ciò mira a formare un interprete del diritto capace di applicare le conoscenze acquisite sul piano teorico al caso concreto..

III) Autonomia di giudizio:
Il delineato approccio metodologico mira a stimolare l’autonomia di giudizio dello studente e la sua capacità di interpretare criticamente i testi giuridici.
IV) Abilità comunicative:
La consultazione dei testi giuridici antichi mira a favorire sia l’acquisizione di un linguaggio adeguato sia lo sviluppo delle capacità dialettiche e argomentative. Altrettanta attenzione viene dedicata a sviluppare le abilità comunicative tramite strumenti multimediali.

V) Capacità di apprendimento:
La capacità di apprendimento è stimolata dalla sottoposizione agli studenti di testi specifici. Nell’ambito del corso viene, inoltre, fornito materiale di approfondimento.

Prerequisiti

Una discreta cultura
scolastica di base

Contenuti

La
ricostruzione
dell'ordinamento
giuridico
romano
attraverso lo studio del diritto
privato e pubblico del secoli
dall'VIII a.C. al VI d.C. (50 ore).
L'esame esegetico di testi giuridici e non del sec. V d.C. volti
alla comprensione di problemi ordinamentali tipici dell'età
tardoantica (22 ore).

Metodi didattici

Lezioni frontali tradizionali; esercitazioni sulle fonti; visite guidate all'esterno; proiezioni cinematografiche e dibattiti.

Verifica dell'apprendimento

Un esame/colloquio tradizionale, della
durata
di ca. 10/15 minuti, con votazione
finale in trentesimi.
Oggetto dell'esame è la verifica, sulla
base di domande poste con riferimento ai
contenuti dei libri di testo consigliati,
dell'acquisita percezione:
a] del significato di un ordinamento
giuridico,
b
] del 'senso' della storia giuridca,
c] della necessità dell'esegesi testuale

Testi

E. Cantarella, Istituzioni di diritto romano, Milano
2015.
E. Dovere, Il secolo breve del Teodosiano.
Ordinamento e
pratica di governo nel V
secolo, Bari 2016

Altre informazioni