Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2016/2017
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in MANAGEMENT DELLE IMPRESE INTERNAZIONALI
Settore disciplinare: 
ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI (SECS-P/11)
Crediti: 
9
Anno di corso: 
2
Docenti: 
MONFERRA' Stefano
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
72

Obiettivi

Il corso di Intermediari e finanziamenti di azienda intende sviluppare le competenze in tema di gestione degli intermediari finanziari. Il corso verrà sviluppato seguendo un percorso che consento la familiarizzazione dello studente aspetti rilevanti in ordine al ruolo degli intermediari finanziari, dei mercati finanziari e degli strumenti in essi negoziabili. In particolare, si fornirà il quadro concettuale di funzionamento del sistema finanziario con riferimento sia agli aspetti qualitativi che quantitativi dei fenomeni finanziari. Le logiche gestionali e operative delle diverse aree di business delle banche e degli altri intermediari specializzati (politiche di raccolta e impiego; risk management, vigilanza, intermediazione creditizia e mobiliare) verranno affrontate con l’intento di fornire le necessarie competenze in ordine alla valutazione dei profili di equilibrio economico finanziario degli attori del sistema finanziario.

Prerequisiti

Il corso è indirizzato agli studenti della laurea triennale e richiede che i discenti abbiano appreso i contenuti base delle logiche di economia aziendale. Al fine di massimizzare l’apprendimento dei contenuti gli studenti dovrebbero possedere una buona conoscenza degli argomenti di contabilità e gestione dell’azienda in quanto basilari per affrontare alcuni argomenti del programma d’esame.

Contenuti

Le relazioni tra sistema finanziario e sistema reale. Le teorie dell’intermediazione finanziaria. I rischi tipici dell’intermediazione finanziaria. Gli Strumenti finanziari. I mercati finanziari. L’intermediazione creditizia. L’intermediazione mobiliare. L’intermediazione assicurativa. La regolamentazione nel sistema finanziario: politiche di controllo e Autorità. Le innovazioni regolamentari e la vigilanza del sistema finanziario. La tutela del consumatore di servizi finanziari. La politica monetaria e il controllo del credito.

Metodi didattici

Il corso sarà organizzato in lezioni frontali mediante l’ausilio di slides a copertura dell’intero programma di insegnamento. Il corso seguirà l'impostazione del libro di testo principale, mentre per alcuni argomenti verranno forniti degli approfondimenti sotto forma di casi studio o di letture aggiuntive. Alle lezioni frontali teoriche possono essere affiancati anche interventi esterni da parte di operatori del mercato finanziario.

Verifica dell'apprendimento

L’acquisizione delle conoscenze fondamentali avviene con un esame scritto che verte su 6 domande aperte sull’intero programma di esame. La valutazione del candidato verterà su una analisi circa l’utilizzo di un linguaggio tecnico appropriato, l’autonomia di giudizio e l’approfondimento degli argomenti.

Testi

Nadotti L., Porzio C. Previati D., Economia degli Intermediari Finanziari, Ultima edizione, Mc Graw Hill

Altre informazioni

Al termine del corso lo studente acquisirà:
• La conoscenza e la capacità di comprensione relative al funzionamento dei mercati finanziari, all’utilizzo degli strumenti finanziari da parte di unità in surplus e unità in deficit, agli aspetti gestionali e alle prescrizioni normative cui gli intermediari finanziari devono attenersi nello svolgimento della propria attività.
• La conoscenza e le abilità pratiche necessarie per ricostruire il processo di formazione dei saldi finanziari; identificare e quantificare i rischi finanziari a cui sono esposti gli intermediari finanziari; impiegare gli strumenti derivati con finalità di copertura e speculative; valutare la solvibilità, l’efficienza e la redditività degli intermediari finanziari; selezionare e applicare i modelli di pricing degli strumenti finanziari.
• La capacità di comprendere ed interpretare con autonomia di giudizio il contenuto delle relazioni pubblicate periodicamente dalle Autorità di Vigilanza e gli annual report degli intermediari finanziari; il comportamento dei mercati finanziari rispetto ad eventi di carattere sistemico o riguardanti singoli emittenti, gli effetti sul sistema finanziario delle decisioni adottate dalla BCE; le scelte delle imprese in tema di struttura finanziaria; le politiche di investimento degli intermediari finanziari.
• La capacità di comunicare, usando la terminologia appropriata, con interlocutori che presentino gradi di conoscenza eterogenei sulle tematiche trattate durante il corso.
• Acquisirà altresì gli strumenti logico-concettuali necessari per rafforzare la propria capacità di apprendimento in ambito finanziario e proseguire i propri studi in materia di analisi dei mercati e gestione degli intermediari finanziari.