Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2016/2017
Partizione: 
Matricole pari
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in SCIENZE MOTORIE
Settore disciplinare: 
DIRITTO PRIVATO (IUS/01)
Crediti: 
6
Anno di corso: 
3
Docenti: 
Dott. NUZZO Matteo
Ciclo: 
Primo Semestre

Obiettivi

Conoscenza e capacità di comprensione: al termine del corso lo studente deve dimostrare di aver compreso le strutture e le funzioni delle norme giuridiche di diritto privato e quindi di sapersi orientare autonomamente tra soggetti, istituti, categorie giuridiche e le diverse forme di responsabilità.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione: al termine del corso lo studente deve dimostrare di saper redigere autonomamente un'analisi ed una valutazione di un testo normativo o regolamentare valutandone l'adeguatezza rispetto agli obiettivi.
Autonomia di giudizio: al termine del corso lo studente deve dimostrare di saper individuare autonomamente, all'interno di un testo normativo o regolamentare, il fondamento, gli obiettivi perseguiti dal regolatore e gli effetti delle regole scritte.
Abilità comunicative: lo studente surante il corso ed in sede di prova deve dimostrare di aver appreso e di saper utilizzare con adeguata padronanza il linguaggio tecnico giuridico idoneo ad identificare correttamente gli istituti del diritto privato.
Capacità di apprendimento: lo studente acquisice la capacità di consultare, comprendere ed utilizzare autonomamente i testi di riferimento (manuali), le raccolte delle leggi (codici e leggi speciali), ssapendoli reperire sui diversi motori di ricerca disponibili.

Prerequisiti

Contenuti

1) Introduzione: Fonti del diritto. Efficacia della legge nel tempo e nello spazio. Interpretazione della legge.
2) Situazioni giuridiche soggettive e rapporto giuridico.
3) I soggetti di diritto (persone fisiche e persone giuridiche). Attività giuridica (atto, fatto, negozio, contratto) e autonomia contrattuale.
4) Diritti reali, possesso, beni.
5) Le obbligazioni. Fonti. Soggetti dell’obbligazione. Oggetto dell’obbligazione.
6) Adempimento (modalità). Modi di estinzione dell’obbligazione diverse dall’adempimento.
7) Modificazione del rapporto obbligatorio dal lato attivo e passivo.
8) Tipi particolari di obbligazioni. Inadempimento. Mora debendi e mora credendi.
9) Struttura del contratto: l’accordo.
10) Trattative e responsabilità precontrattuali. Contratto preliminare. Interpretazione del contratto. Elementi accidentali.
11) Oggetto, causa, forma. Simulazione.
12) Effetti del contratto. Cessione del contratto. Rappresentanza.
13) Invalidità: annullamento.
14) Nullità. Recessione. Risoluzione.
15) Responsabilità extracontrattuale.
16) Ipotesi speciali.
17) Responsabilità patrimoniale. Mezzi di conservazione delle garanzie patrimoniali. Garanzie reali. Garanzie personali.

Metodi didattici

L'attività didattica è organizzata in lezioni frontali, all'interno delle quali vengono svolti costantemente momenti di confronto e verifica orale dell'apprendimento in modo da consentire allo studente di monitorare costantemente l'adeguatezza dei propri appunti, delle conoscenze acquisite e della propria preparazione ai fini dell'esame.

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell'apprendimento avviene durante il corso con momenti dedicati all'inizio di ogni lezione ed all'esito delle ore di didattica attraverso una prova scritta propedeutica allo svolgimento dell'esame orale. In occasione delle lezioni viene inizialmente chiesto se vi sono dubbi o domande sugli argomenti trattati sino a quel momento e si invitano gli studenti ad esprimere i propri dubbi ed a ripetere gli argomenti trattati rivendendoli ed analizzandoli insieme. La prova scritta ha ad oggetto un regolamento sportivo che gli studenti debbono analizzare e commentare, individuando l'evoluzione delle regole tecniche nel tempo, in funzione degli obiettivi tipici dell'attività sportiva individuata, verificandone l'adeguatezza e la contemporaneità. Gli studenti sono poi chiamati ad esprimere nel loro elaborato oltre ad una valutazione anche eventuali proposte di miglioramento.

Testi

Manuale di diritto privato, di A. Torrente e P. Schlesinger, Giuffrè, ult. ed.; Linguaggio e regole del diritto privato, di G. Iudica e P. Zatti, Cedam, ult. ed.; Diritto privato, di F. Bocchini – E. Quadri, Giappichelli, ult. ed.. Indipendentemente dal manuale di Istituzioni di Diritto Privato scelto dallo studente, è vivamente consigliato l’utilizzo del codice civile.

Altre informazioni