Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2016/2017
Tipologia di insegnamento: 
Base
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea Magistrale Ciclo Unico 5 anni in GIURISPRUDENZA
Settore disciplinare: 
DIRITTO PRIVATO (IUS/01)
Crediti: 
12
Anno di corso: 
1
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
96

Obiettivi

L'obiettivo del corso è favorire la conoscenza e la comprensione del sistema isitituzionale del dirito privato italiano, nella consapevolezza della sua natura complessa ed unitaria. L'apprendimento dello studente, mediante le lezioni frontali con ulteriore supporto seminairale nonchè prove intercorso, viene stimolato anche mediante lo studio della casistica giurisprudenziale, dal quale far emergere le conseguenze operative delle nozioni impartite. Ciò al fine di offire una formazione di base degli istituti fondamentali nonchè degli strumenti pratici per orientarsi non soltanto nello studio delle istituzioni di diritto privato ma anche nel più vasto percorso degli studi giiuridici. SI punta, infatti, a far acquisirie padronanza metodologica nello studio di un esame che richiede spiccate conoscenze tecniche.
Il corso mira a fornire allo studente un’adeguata conoscenza del diritto dei contratti, alla luce della normativa e della giurisprudenza, interna ed europea. Lo studio dei diversi profili dell’autonomia contrattuale (dalla formazione del vincolo, agli elementi costitutivi, fino, più in generale, ai limiti all’esercizio del potere negoziale) si realizza nel costante confronto con l’evoluzione normativa e giurisprudenziale, nonché con gli sviluppi della dottrina. Non si trascura, inoltre, lo studio del diritto dei contratti in una prospettiva transfrontaliera, imposta dal processo di globalizzazione dei mercati.

I) Conoscenza e capacità di comprensione:
Il corso offre gli strumenti per comprendere la disciplina dei rapporti giuridici tra i privati, alla luce delle evoluzioni della dottrina e della giurisprudenza, in un Sistema caratterizzato dalla pluralità delle fonti normative, sia in senso verticale sia orizzontale.
II) Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Il corso si caratterizza per un approccio critico e pratico. La trattazione dei diversi profili degli istituti del dirtto privato, muovendo dall’esegesi del dato normativo, per ricarne l’individuazione delle ricadute applicative. L’obiettivo è la formazione di un interprete del diritto capace di applicare le conoscenze acquisite sul piano teorico al caso concreto, rappresentato dalle questioni affrontate dalla giurisprudenza, di volta in volta oggetto di studio.

III) Autonomia di giudizio:
Il metodo critico, fondato sullo studio delle rationes degli istituti, unitamente all’applicazione degli stessi nella prassi, concorre a sollecitare l’autonomia di giudizio dello studente e la sua capacità di interpretare criticamente i testi giuridici, con l’ambizione di conferire agli studenti le basi necessarie alla formazione di interpreti del diritto in grado di articolare con solide e rigorose argomentazioni le proprie opinioni.
IV) Abilità comunicative:
La consultazione dei testi normativi e delle sentenze, insieme all’esposizione delle diverse tesi verso le quali esprimere adesione o dissenso, vogliono favorire l’acquisizione di un linguaggio tecnico e di una spiccata capacità argomentativa. Ciò sia nella sollecitazioni di domande e interventi nel corso delle lezioni sia nell’ambito delle esercitazioni organizzate per I frequentanti. A ciò si affiance l’attenzione per lo sviluppo delle abilità comunicative tramite strumenti informatici utili per l’approfondimento ricerca giuridica.

V) Capacità di apprendimento:
La capacità di apprendimento è stimolata dalla sottoposizione agli studenti di testi normativi di riforma e di sentenze. Durante il corso gli studenti vengono edotti in relazione alle modalità mediante le quali effettuare una ricerca di materiale di approfondimento (ricerche bilbliografiche, testi di sentenze, articoli di dottrina, ecc.) con particolare riguardo all’uso delle banche dati on line.

Prerequisiti

Contenuti

Primo blocco (16 ore): Fonti del diritto interno, europeo ed internazionale; situazioni giuridiche soggettive; nozioni introduttive sull’attività giuridica.
Secondo blocco (16 ore): I soggetti di diritto: persona fisica, persona girudica; nozioni di diritto di famiglia.
Terzo blocco (16 ore): la circolazione dei diritti mortis causa. Il diritto successorio. I diritti reali. La pubblcità.
Quarto blocco (24 ore): il diritto delle obbligazioni; la disciplina generale del contratto.
Quinto blocco (16 ore): la responsabilità civile, la tutela giurisdizionale dei diritti.

Metodi didattici

Lezioni frontali

Verifica dell'apprendimento

La verifica dell’apprendimento e degli obiettivi didattici avviene attraverso una prova orale.
Il colloquio mira a valutare l’adeguata conoscenza degli istituti giuridici oggetto di studio e la capacità di analisi critica.
Al termine del colloquio, della durata di circa 30 minuti, viene espressa una valutazione in trentesimi.

Testi

Parte generale: Bocchini - Quadri, Diritto privato, Giappichelli, ultima edizione, con esclusione dei contratti tipici, impresa e società, titoli di credito. Parte speciale: Giampetraglia, Protestatio contra factum non valet, Liguori, ultima edizione.Si richiede la conoscenza del codice ciivle.

Altre informazioni