Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2012/2013
Tipologia di insegnamento: 
A scelta dello studente
Tipo di attività: 
Opzionale
Corso di afferenza: 
Settore disciplinare: 
DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA (IUS/14)
Crediti: 
6
Anno di corso: 
5
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

L’obiettivo del corso è fornire agli studenti conoscenze e competenze relative al supporto alle imprese nel campo della concorrenza e degli aiuti di Stato, al fine di consentire lo svolgimento della professione di giurista di impresa.
Al termine del corso lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito le seguenti capacità e conoscenze:

Conoscenza e capacità di comprensione
a) conoscenze approfondite relative al mercato interno e alla disciplina della concorrenza , all’economia sociale di mercato e all’Unione economica e monetaria;

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
2) capacità di interpretare la normativa e la giurisprudenza dell'UE relativa alle attività economiche e alle imprese e di applicarla a situazioni concrete

Autonomia di giudizio
3) capacità di reperire atti, giurisprudenza e dati al fine di analizzare criticamente gli effetti del diritto dell'UE sulle imprese e sullo sviluppo nazionale e locale; capacità di individuare le opportunità (in termini di finanziamenti) che provengono dal sistema dell'UE ma anche i vincoli per le imprese, al fine di
rafforzare la capacità di problem solving degli studenti. L'acquisizione delle capacità in parola sarà verificata tramite la discussione in aula di case studies;

Abilità comunicative
4) capacità di argomentare oralmente in maniera critica e approfondita le problematiche inerenti le imprese e le Istituzioni nazionali e locali responsabili delle politiche di sviluppo. Le abilità comunicative in parola saranno stimolate tramite la presentazione in aula di case studies individuali o di gruppo;

Capacità di apprendimento
5) la capacità di apprendimento e di valutazione critica autonome relativamente alle problematiche delle ricadute della regolazione e delle politiche dell’UE sulle imprese e sui sistemi nazionali e locali di sviluppo, che sarà verificata alternando le fasi di lezione frontale con la discussione di case studies individuali e di gruppo in cui si chiederà agli studenti di analizzare normativa e giurisprudenza dell'UE, individuandone gli effetti sul sistema produttivo

Prerequisiti

Il corso presuppone un’approfondita conoscenza del sistema istituzionale e del quadro generale delle politiche europee

Contenuti

1. Le regole europee di concorrenza applicabili alle imprese (9 ore)

1.1. L'abuso della posizione dominante

1.2 L'enforcement delle regole applicabili alle imprese

2. Le regole europee di concorrenza applicabili agli Stati (9 ore)

2.1. La disciplina europea della concorrenza applicabile alle imprese pubbliche

2.2 La disciplina degli aiuti di Stato

2.3 Il controllo in materia di aiuti

3. L'Unione economica e monetaria (3 ore)

4. L'economia sociale di mercato (3 ore)

5. Il diritto europeo dello sviluppo: la Strategia di Lisbona (12 ore)

5.1 L’evoluzione dell’economia economica e monetaria in funzione della crescita

5.2 La politica sociale e dell’occupazione

5.3 La coesione territoriale e i fondi strutturali

5.4 Le azioni coordinate in materia di ambiente, energia e trasporti

6. La dimensione esterna del diritto europeo delle imprese e dello sviluppo (3 ore)

6.1 La politica commerciale

6.2 La cooperazione allo sviluppo

7 La crisi economica internazionale e il suo impatto sulla UEM ( 9 ore)

7.1. La strategia Europa 2020

7.2 La riforma dei programmi a gestione diretta

7,.3 La riforma dei Fondi strutturali

Metodi didattici

Lezione frontale

Verifica dell'apprendimento

1. Numero delle prove che concorrono alla valutazione: 1
2. Obiettivo della prova: la prova è finalizzata a verificare le conoscenze e competenze acquisite dagli studenti, con particolare riferimento alla capacità di analisi ed argomentazione critica degli effetti del diritto dell’UE sull’ordinamento giuridico interno.
3. Modalità di somministrazione: orale
4. Tempistica di svolgimento: secondo il calendario di esami;
5. Durata: circa 30 minuti;
6. Tipologia: colloquio
7. Misurazione conclusiva della prova d’esame: lo studente raggiungerà il punteggio minimo qualora riuscirà a dimostrare l’acquisizione di conoscenze di base relative al quadro istituzionale, al sistema delle fonti, alla tutela giurisdizionale e al mercato comune. Lo studente raggiungerà il punteggio massimo quando dimostrerà di aver raggiunto pienamente i risultati attesi, conformemente ai descrittori di Dublino.

Testi

L. Daniele, Diritto del Mercato Unico Europeo, u.e.
Materiale didattico distribuito durante il corso

Altre informazioni

Propedeuticità: Diritto dell’UE