Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2016/2017
Tipologia di insegnamento: 
A scelta dello studente
Tipo di attività: 
Opzionale
Corso di afferenza: 
Corso di Laurea triennale (DM 270) in MANAGEMENT DELLE IMPRESE TURISTICHE
Crediti: 
6
Anno di corso: 
3
Docenti: 
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Conoscenza e capacità di comprensione: al termine del corso lo studente acquisirà le conoscenze per analizzare e comprendere gli elementi che caratterizzano il mercato e i beni della cultura, le loro caratteristiche e le peculiarità che li distinguono. Lo studente sarà in grado di comprendere le dinamiche che sottostanno alla formazione della domanda e dell’offerta in questo particolare settore economico e dunque la formazione e valutazione del prezzo di tali beni tramite metodologie di analisi economica.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: al termine del corso lo studente sarà in grado di comprendere le dinamiche di mercato che caratterizzano i beni e servizi culturali, nonché le scelte strategiche degli operatori per la creazione di valore attraverso lo studio esplorativo di casi specifici. Lo studente sarà quindi in grado di valutare il potenziale enorme che il mercato del turismo riveste nel settore dei beni culturali, nonché di valutare l’efficacia e la logica delle politiche pubbliche, effettuate in Italia e in altri paesi europei, a sostegno di tale settore.

Autonomia di giudizio: lo studente sarà in grado di valutare autonomamente i risultati provenienti dalle analisi dei casi di studio e ragionare autonomamente sulla bontà delle diverse opzioni di politica pubblica per la valorizzazione dei beni e mercati culturali, con particolare riferimento al settore turistico. Sarà inoltre in grado di comprendere ed esprimere un giudizio critico sulle evidenze disponibili sulla valutazione economica dei beni culturali.

Abilità comunicative: in sede di esame, lo studente dovrà esporre in modo chiaro ed esaustivo i concetti appresi durante il corso. Lo studente dovrà inoltre mostrare originalità, capacità di interpretazione e analisi se coinvolto in lavori di gruppo che prevedono lo studio di casi specifici. Verrà inoltre valutata la capacità di coordinamento nel lavoro di gruppo.

Capacità di apprendere: lo studente dovrà mostrare padronanza delle nozioni di base (contesto storico-istituzionale, tassonomie, modelli di riferimento, giustificazione di politiche pubbliche, strumenti di valutazione, casi di studio specifici). Inoltre, lo studente dovrà mostrare di saper approfondire i contenuti di base proposti dal docente attraverso l’analisi autonoma di ulteriori riferimenti presenti in letteratura.

Prerequisiti

Nella fase iniziale del corso verranno verificate le competenze di base dei discenti, in particolare sui principi di microeconomia, macroeconomia ed economia pubblica. Per quanto possibile il tenore dei contenuti del corso verrà calibrato sulla base delle conoscenza di base riscontrate. Per gli studenti provenienti da corsi di laurea differenti sarà comunque prevista un’integrazione con opportuna bibliografia di riferimento.

Contenuti

Il corso intende introdurre gli studenti all’analisi economica e gestionale dei beni e del patrimonio culturale. Si forniranno gli strumenti necessari per comprendere la loro natura e il mercato di riferimento, con particolare attenzione al settore turistico. Inoltre verranno forniti gli elementi di base per comprendere gli interventi pubblici atti a sostenere tale attività e gli strumenti di valutazione economica dei beni non di mercato.
Durante il corso verranno organizzati seminari e incontri con responsabili di Istituzioni museali, espositive e attrazioni turistiche di rilievo nazionale, nonché con dirigenti di imprese e Istituzioni che operano nel settore dei beni e delle attività culturali.

Metodi didattici

La modalità di erogazione è basata essenzialmente su lezioni frontali, integrata da seminari durante i quali esponenti del mondo dei beni culturali esporranno un argomento sul quale possiedono esperienza specifica. A seconda del numero di studenti frequentanti, è inoltre prevista la possibilità di organizzare project works, singoli o tra più studenti, finalizzati alla presentazione e discussione di un argomento oggetto del corso che sarà parte integrante della valutazione finale.

Verifica dell'apprendimento

La verifica del grado di apprendimento degli argomenti trattati verrà condotta attraverso l'esame orale, unitamente ad eventuale project work o caso di studio presentato dallo/dagli studente/i.
In particolare, s’intende verificare il raggiungimento dei seguenti obiettivi didattici:
· conoscenza delle caratteristiche del mercato dell’arte
· uso appropriato degli strumenti metodologici illustrati durante le lezioni frontali
· conoscenza delle politiche a sostegno del settore culturale
· attraverso un caso studio, capacità di capire come i beni e le attività culturali possano costituire un volano per il settore turistico e per lo sviluppo dell’economia locale.

Testi

Testi di riferimento in italiano:

Candela G., Scorcu A. (2004). Economia delle arti, Zanichelli.
Ciarrapico M. e Paradiso M. (2003). Decidere per la cultura, La Bautta.

Letture in inglese:
A Handbook of Cultural Economics (2011). Edited by Ruth Towse, Professor of Economics of Creative Industries, CIPPM, Bournemouth University, UK and CREATe Fellow in Cultural Economics (University of Glasgow)
Handbook on the Economics of Cultural Heritage (2013). Edited by Ilde Rizzo, Professor of Public Finance, University of Catania, Italy and Anna Mignosa, Lecturer of Cultural Economics, University of Catania, Italy and Erasmus University Rotterdam, the Netherlands

Altre informazioni

Il corso è strutturato in un unico modulo, anche se sono previsti interventi seminariali di esperti esterni.