Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico: 
2016/2017
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Corso di afferenza: 
Corso di Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE E MANAGEMENT DELLO SPORT E DELLE ATTIVITÀ MOTORIE
Settore disciplinare: 
ORGANIZZAZIONE AZIENDALE (SECS-P/10)
Crediti: 
6
Anno di corso: 
1
Docenti: 
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Obiettivi

Il modulo di “Gestione delle Risorse Umane” si propone di far acquisire ai partecipanti la conoscenza dei principali sistemi di gestione del personale come, ad esempio, quelli di reclutamento, selezione, valutazione e retribuzione, in modo tale che i partecipanti:
• siano in grado di comprendere vantaggi e svantaggi delle prassi utilizzate nelle aziende;
• siano in grado di applicare consapevolmente le politiche aziendali di gestione delle risorse umane.
Complessivamente, il corso mira a forgiare figure professionali competenti nell’analisi dei comportamenti organizzativi e delle dinamiche relazionali aziendali, preparati in materia di politiche di gestione delle risorse umane.
Nel dettaglio ci si propone di perseguire i seguenti obiettivi:
1)Conoscenza e capacità di comprensione.
Lo studente deve dimostrare di aver acquisito una conoscenza di base in merito: alle principali teorie organizzative che regolano l’organizzazione delle attività aziendali; alle variabili chiave dell’organizzazione del lavoro; ai sistemi di regolazione e governo delle relazioni tra individuo e azienda in qualsiasi settore economico soprattutto sportivo o in ettori connessi e/o correlati.
Lo studente deve dimostrare la capacità di cogliere la rilevanza e la criticità delle politiche di Gestione delle Risorse Umane, ad esempio, la programmazione e lo sviluppo di processi di formazione nell’ambito delle professioni sportive sia per il management sia per la parte tecnica, coerentemente alle tematiche illustrate e agli stimoli dati durante il corso, i seminari e le esercitazioni.
2) Capacità di applicare conoscenza e comprensione.
Lo studente deve essere in grado di applicare le nozioni apprese a casi concreti e contesti specifici, preferibilmente attuali e affini al settore sportivo, a dimostrazione della ormai completa e acquisita conoscenza e comprensione dei principi fondamentali di studio di gestione delle risorse umane. Le esercitazioni mirano allo sviluppo e alla verifica di tali capacità applicative. Ad esempio, sviluppare un video curriculum nell’ambito della fase applicativa delle nozioni teoriche inerenti lo studio del processo di reclutamento e selezione del personale con focus sulle tecniche di selezione quali soprattutto il curriculum vitae e la sua versione digitale.
3) Autonomia di giudizio.
Lo studente deve essere in grado di esprimere il proprio punto di vista assumendo posizioni argomentate secondo logica scientifica e intuito personale, consone e sostenibili in relazione alle tematiche oggetto del corso.
4) Abilità comunicative.
Lo studente deve sapersi esprimere con proprietà di linguaggio e consapevolezza dei propri vissuti emotivi che emergono dal linguaggio non-verbale, dimostrando di poter spiegare alcuni concetti fondamentali appresi in modo semplice e chiaro anche attraverso il ricorso a casi esemplificativi nel mondo dello sport o affine.
5) Capacità di apprendimento.
Lo studente deve essere in grado di costruire per ciascuna categoria concettuale inclusa nel programma d’esame mappe mentali chiare ed esaustive in relazione ai singoli costrutti afferenti lo studio delle politiche di gestione delle risorse umane, utilizzando le nomenclature caratteristiche della disciplina.

Prerequisiti

Conoscenza dei principi di base dell’Organizzazione Aziendale (livelli micro e meso di analisi organizzativa).

Contenuti

Il corso propone un itinerario teorico-pratico sui modelli e gli strumenti di Gestione delle Risorse Umane. La prima parte del corso è dedicata ai fondamenti teorici della moderna Gestione delle Risorse Umane (G.R.U.), quale proposta interpretativa prevalente sul rapporto individuo-organizzazione. La seconda parte è dedicata ai principali sistemi operativi di Gestione delle Risorse Umane (selezione, formazione e sviluppo, valutazione della performance e retribuzione) e allo sviluppo e implementazione delle tecniche innovative a supporto delle politiche di G.R.U. La terza parte è dedicata all’approfondimento, mediante attività seminariali e lavoro di gruppo con sviluppo di project work, sui temi oggetto di studio.

Metodi didattici

Lezioni frontali, incontri seminariali di presentazione di casi aziendali concreti con testimoni scelti di eccellenza (campioni e manager del settore sportivo e settore connessi e /o affini), esercitazioni in aula, project work nell’ambito dell’area della gestione delle risorse umane soprattutto applicata al settore sportivo.

Verifica dell'apprendimento

Esame scritto articolato in quattro domande a risposta aperta da cinque punti ciascuna, e una domanda a risposta aperta da dieci punti, inerenti gli argomenti indicati nel programma. L’esame scritto è espresso in trentesimi di voto (totale punteggio prova scritta è pari a 30).
Esame orale (per i candidati che superano la prova scritta con un punteggio pari almeno a 18/30), articolato in domande che partono da eventuali lacune dello scritto, per poi spaziare su tutto il resto del programma di esame.
La verifica dell’apprendimento sarà effettuata mediante una prova scritta ed una prova orale e si propone di accertare il grado di conoscenza delle nozioni di base e degli argomenti fondamentali di studio del programma di insegnamento, nonché la verifica intende accertare la capacità dello studente di applicare le nozioni acquisite nella realtà soprattutto nell’ambito sportivo. Ad esempio, si intende accertare la capacità dello studente di applicare politiche di gestione delle risorse umane in tema di formazione del personale o di tecniche innovative di supporto come il coaching o il mentoring nell’ambito delle organizzazioni sportive, sia internamente a strutture quali federazioni sportive o il CONI sia nella pratica sportiva in senso stretto come gestire una squadra di calcio o pallavolo.
La prova scritta e l’esame orale sono finalizzati alla verifica del livello di apprendimento dei principi, delle nozioni e degli argomenti indicati nel programma.
Tale verifica sarà condotta in base ai seguenti criteri: livello di conoscenza e approfondimento dei principi di studio delle politiche di gestione delle risorse umane; proprietà di linguaggio e chiarezza espositiva. Tale verifica prevede:
1. Numero delle prove che concorrono alla valutazione: 2;
2. Obiettivo della prova: verifica del livello di apprendimento dello studente su aspetti fondamentali della material;
3. Modalità di somministrazione (scritto, orale, pratico): scritto e orale;
4. Tempistica di svolgimento: in base al calendario di esami;
5. Durata: prova scritta 1 ora; prova orale da 10 a 30 minuti circa;
6. Tipologia (es. prova scritta a risposta chiusa, prova pratica, colloquio, ecc.): prova scritta a risposte aperte + colloquio;
7. Misurazione conclusiva della prova d’esame: lo studente raggiungerà il punteggio minimo qualora riuscirà a dimostrare l’acquisizione di conoscenze di base relative allo studio delle politiche di gestione delle risorse umane. Lo studente otterrà il punteggio massimo quando dimostrerà di aver compreso, approfondito e introiettato tutti gli argomenti indicati nel programma, risultando in grado, altresì, di cogliere le interconnessioni fra gli stessi, e di fornire esempi applicativi concreti in relazione alle loro implicazioni manageriali.

Testi

Costa, G., Gianecchini, M. (2009). Risorse umane, persone, relazioni e valore. McGraw-Hill (cap. 5, 6, 9, 10, 12, 13, 14).
Kreitner, R., Kinicki, A. (Ed. 2004 o successive). Comportamento Organizzativo. Apogeo (cap. 3).
Varriale, L. (2008). Il mentoring nell’organizzazione aziendale. Ed. Giappichelli, Torino (cap. 1, 2, 3, 4).

Altre informazioni