Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

07/01/2020

Sono partiti da pochi giorni i ricercatori dall'Università Parthenope che parteciperanno alla 35esima spedizione italiana in Antartide, insieme ai loro colleghi delle università di Genova e di Bologna e del CNR.

Yuri Cotroneo, Pasquale Castagno, Arturo del Alteris, Giovanni Zambardino, Naomi Krauzig ed il Prof. Pierpaolo Falco raggiungeranno la Nuova Zelanda e, con la nave rompighiaccio Laura Bassi, faranno rotta verso il Mare di Ross. Una volta a bordo inizieranno le attività di ricerca dei progetti Morsea ed Estro finanziati dal Programma Nazionale di Ricerche in Antartide - PNRA per investigare la variabilità della circolazione oceanica antartica e far luce sui cambiamenti climatici in atto. La missione si concluderà il 21 Febbraio con il ritorno della nave in Nuova Zelanda.
"La novità di quest'anno è la nave, la rompighiaccio dell'Istituto di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (Inogs) di Trieste, intitolata alla prima donna che ha avuto accesso ad una carriera universitaria, Laura Bassi" ha sottolineato l'oceanografo Pierpaolo Falco. Essendo una rompighiaccio, la nuova nave "ci consentirà di arrivare in zone che erano impossibili da raggiungere con la precedente nave e di rimanere più a lungo, anche quando il ghiaccio comincerà a formarsi per la fine dell'estate antartica".