Università degli Studi di Napoli "Parthenope"

07
Marzo
2017

Incontro job placement

Martedì, Marzo 7, 2017 - 11:00 - 16:00

Il 7 marzo nella sede del centro direzionale sono state tre le aziende che hanno voluto incontrare studenti e neolaureati di ingegneria informatica: la  IEM lab, specializzata in piattaforme da utilizzare in ingegneria aeronautica, automobilistica e motociclistica, la IT Centric, specializzata in applicazioni utilizzabili per la difesa e la ciber informatica, e la NTT Data, le cui applicazioni hanno trovato impego nella robotica e nelle telecomunicazioni

03
Marzo
2017

seminario con il Direttore della Reggia di Caserta Mauro Felicori

Venerdì, Marzo 3, 2017 - 11:00 - 15:00

seminario con il Direttore della Reggia di Caserta Mauro Felicori sul ruolo del manager nell’ambito delle attività culturali rivolto agli studenti del corso di laurea in Management delle Imprese Turistiche

02
Marzo
2017

Recruiting Day Decathlon

Giovedì, Marzo 2, 2017 - 11:00 - 16:00

Recruiting Day Decathlon organizzato dall’ufficio di Job Placement per i laureati e laureandi dell’Università

01
Marzo
2017

L’Università Parthenope arriva sulla cometa con la sonda spaziale Rosetta

Mercoledì, Marzo 1, 2017 - 13:30 - Venerdì, Marzo 31, 2017 - 12:30

Alessandra Rotundi è responsabile dello strumento GIADA a bordo della missione Rosetta.

La sonda Rosetta, lanciata nel 2004 da Kourou in Guyana francese, ha percorso 6 miliardi di chilometri prima del rendez-vous con la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, avvenuto il 6 agosto 2014. Per la prima volta nella storia dell’esplorazione cometaria una sonda dopo aver orbitato a meno di 10 km dal nucleo della cometa, il 12 novembre ha affrontato un’operazione ambiziosissima, mai affrontata prima: ha rilasciato una piccola sonda, il Lander Philae, che ha raggiunto la superficie cometaria per compiere misure in situ. La sonda Rosetta, che prende il nome dalla città egizia dove fu ritrovata la stele che nel 1822 ha fornito la chiave per la comprensione dei geroglifici, sta fornendo una chiave decisiva per la comprensione del linguaggio della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko e di tutte le comete gioviane (periodiche con periodo compreso tra 5 e 20 anni e caratterizzate da passaggi ravvicinati a Giove).

Un importante contributo alla missione Rosetta viene dall’Agenzia Spaziale Italiana, che ha finanziato 4 strumenti spaziali protagonisti della missione. Tra questi c’è GIADA, che opera sotto la responsabilità di Alessandra Rotundi, professore all’Università Parthenope di Napoli, Dipartimento di Scienze e Tecnologie e di Vincenzo Della Corte, ex ricercatore a tempo determinato all’Università Parthenope, ora Tecnologo di II livello presso l’INAF-Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali di Roma. La professoressa Rotundi ha iniziato a lavorare sul progetto GIADA ai tempi del dottorato di ricerca e dal 2010 ha assunto il ruolo di responsabile del progetto. Fanno parte del team GIADA dell’Università Parthenope il Prof. Ezio Bussoletti (responsabile del progetto al tempo dello sviluppo dello strumento), il Prof. Palumbo, che in passato ha ricoperto il ruolo di Technical Manager dello strumento e il tecnico scientifico Ernesto Zona. Importante il contributo degli assegnisti di ricerca che dal 2010 ad oggi fanno parte del “core team” di GIADA: Mario Accolla, Marco Ferrari, e Francesca Lucarelli. Quest’ultima laureatasi in Informatica magistrale presso l’Università “Parthenope” di Napoli, continua a lavorare, con un assegno di ricerca, allo sviluppo e al mantenimento del software dedicato all’analisi dei dati inviati a Terra da GIADA.

GIADA (Grain Impact Analyser and Dust Accumulator), realizzato da Selex ES (ex Officine Galileo), Firenze, ha “preso contatto” con la cometa il primo agosto 2014 raccogliendo il primo grano di polvere ad una distanza di circa 800 km dal nucleo. GIADA, che analizza la dinamica dei singoli grani di polvere emessi dal nucleo della cometa, misurandone le proprietà dinamiche, ha svolto un’azione di monitoraggio dell’attività cometaria per definire le operazioni di rilascio e raggiungimento della superficie del lander Philae.

GIADA, insieme agli altri strumenti a bordo della sonda Rosetta, continuerà a fornire importanti risultati fino a Dicembre 2015, cioè fino al raggiungimento della distanza minima della cometa dal Sole (perielio » 1,24 UA) e per i 5 mesi successivi. Uno sforzo congiunto tra i team permetterà di ricostruire il “puzzle cometario” che sarà completo quando sarà stato osservato l’estinguersi dell’attività cometaria. Dopo aver raggiunto il perielio, la cometa all’allontanarsi dal Sole diventerà sempre meno attiva. Allora Rosetta avrà compiuto la sua grande impresa: per la prima volta nella storia dell’esplorazione spaziale sarà disponibile la caratterizzazione globale del nucleo di una cometa e dell’ambiente di polvere e gas circostante dall’insorgere dell’attività cometaria fino al suo estinguersi.

Rosetta svelerà il “linguaggio delle comete”, considerate serbatoi di materiale primordiale, cioè di materia di origine interstellare che non ha subìto sostanziali trasformazioni rispetto a quella costituente la nebulosa proto-solare da cui ha avuto origine il Sistema Solare. Rosetta ci porterà indietro nel tempo e lontano nello spazio: indietro nel tempo per avere maggiori dettagli sui meccanismi di formazione del Sistema Solare; lontano nello spazio per averne relativamente al mezzo interstellare. Inoltre, fornirà informazioni per avvalorare la teoria secondo la quale le comete possano aver avuto un ruolo importante nel sorgere della vita sulla Terra. Infatti, le comete potrebbero aver rilasciato sulla superficie terrestre grandi quantità di acqua e di molecole organiche pre-biotiche, durante il periodo di instabilità gravitazionale, detto “il grande bombardamento cometario”, che ha avuto luogo circa 3,9 miliardi di anni fa. Dalla datazione di fossili si è stabilito che solo circa un milione di anni dopo questo evento sono apparse le prime forme di vita sulla Terra.

Le numerose missioni spaziali cometarie portate a termine finora, come ad esempio la missione Stardust della NASA a cui la Prof.ssa Rotundi ha partecipato in qualità di responsabile dell’unico progetto italiano selezionato dalla NASA per l’analisi in laboratorio delle polveri riportate a Terra dalla sonda, hanno fornito alcune parti dell’intero puzzle. Ma il quadro non è ancora completo, Rosetta lo completerà restando una pietra miliare, una stele, nella storia dell’esplorazione spaziale e nelle vite di studenti e post doc che hanno avuto la fortuna di formarsi prendendo parte e contribuendo ad una simile impresa.

Boilerplate

Lo strumento GIADA è stato realizzato da un consorzio italo-spagnolo sotto la responsabilità scientifica dell’Università di Napoli “Parthenope”, IT, e dell’INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte, IT. L’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali dell’INAF, IT, ne gestisce la fase operativa. La produzione e la fornitura dello strumento ad ESA è stata gestita e finanziata dall’Agenzia Spaziale Italiana ASI, IT, integrando il contributo dell’Instituto de Astrofisica de Andalucia, ES, finanziato dal MEC, ES. Il team scientifico comprende IT, ES, UK, FR, DE, USA.

28
Febbraio
2017

Azioni di recupero per la re-iscrizione di studenti fuori corso non in regola con i pagamenti

Martedì, Febbraio 28, 2017 - 13:30 - Martedì, Marzo 14, 2017 - 13:30

Nel Senato Accademico e nel Consiglio di Amministrazione rispettivamente del 13 e del 23 dicembre 2013 sono state deliberate azioni di recupero per la re-iscrizione degli studenti fuori corso dell’Ateneo Parthenope non in regola con i pagamenti. In particolare:

Studenti vecchio ordinamento (lauree quadriennali o quinquennali a ciclo unico ante D.M. 509)

Nelle azioni per questi studenti è prevista la ricognizione gratuita personalizzata per un eventuale passaggio al nuovo ordinamento eseguita dal Consiglio di Corso di Studi. In questo caso lo studente viene iscritto per l’a.a. 2013/14 al primo anno fuori corso del corrispondente corso di laurea nuovo ordinamento del competente dipartimento. Per coloro che si iscrivono entro il 01 aprile 2014 è previsto il pagamento della tassa di iscrizione 2013/2014 in due rate. La prima da versarsi all’atto dell’iscrizione, pari a € 214,00 più tassa regionale pari a € 140,00 più contributo per le facoltà scientifiche pari a € 80,00. La seconda rata deve essere versata a maggio. Per coloro che versano in una unica soluzione dopo il 01 aprile non è previsto il pagamento di mora per il ritardo nell’emissione del certificato ISEE. Il contributo per spese amministrative, incluso il bollo virtuale, è forfettariamente fissato in € 50 per ogni anno di iscrizione non versato. Il pagamento di tale contributo deve essere versato in una unica soluzione all’atto dell’iscrizione.

Tutti i versamenti dovranno essere effettuati su bollettino BJ presso le agenzie del Banco di Napoli.

Studenti nuovo ordinamento

Per questi studenti che si iscrivono entro il 01 aprile 2014 è previsto il pagamento della tassa di iscrizione 2013/2014 in due rate. La prima da versarsi all’atto dell’iscrizione pari a € 214,00 più tassa regionale pari a € 140,00 più contributo per le facoltà scientifiche pari a € 80,00. La seconda rata deve essere versata a maggio. Per coloro che versano in una unica soluzione dopo il 01 aprile non è previsto il pagamento di mora per il ritardo nell’emissione del certificato ISEE. Le tasse di ricognizione possono essere rateizzate nell’ordine riportato nella tabella di seguito allegata.

24
Febbraio
2017

Workshop “Modelli di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. 231/2001”

Venerdì, Febbraio 24, 2017 - 09:45

Master Chief Financial Officer – Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo
W2 – Workshop “Modelli di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. 231/2001” – 24 febbraio 2017
Villa Doria D’Angri – Aula Mergellina

Locandina

18
Febbraio
2017

inaugurazione anno accademico 2016/2017

Sabato, Febbraio 18, 2017 - 09:00 - 16:00

inaugurazione anno accademico 2016/2017 Università Parthenope alla presenza del Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli.

https://www.youtube.com/watch?v=Xq5LrkqVC2c

                                                                                                                                           https://www.youtube.com/watch?v=MegPaDT4pMg&t=2s

17
Febbraio
2017

Stabilimento e riconoscimento società: profili

Venerdì, Febbraio 17, 2017 - 09:00 - 16:00

Stabilimento e riconoscimento società: profili interdisciplinari. Evento organizzato dall’Università in collaborazione con l’Università di Bari Aldo Moro, l’Universitas Mercatorum e gli ordini professionali.

01
Febbraio
2017

Convegno “Bridge the Gap” – Colmare il vuoto tra il mondo universitario e quello del lavoro per fare chiarezza sulle prospettive future e uscire dai luoghi comuni

Mercoledì, Febbraio 1, 2017 - 13:30

Definizione della figura professionale del laureato in Scienze Motorie e sbocchi lavorativi, questo il tema centrale del Convegno “Bridge the Gap” – Colmare il vuoto tra il mondo universitario e quello del lavoro per fare chiarezza sulle prospettive future e uscire dai luoghi comuni.
Il Convegno, Patrocinato dall'Università degli Studi di Napoli "Parthenope", si terrà il 25 gennaio 2013, nella sede di via Acton, in Aula grande alle 9.30.

25
Gennaio
2017

Ragionar d’amore, educare all’affettività nelle transizioni amorose del tempo e dell’esistenza.

Mercoledì, Gennaio 25, 2017 - 09:30 - Lunedì, Luglio 24, 2017 - 15:00

Ragionar d’amore, educare all’affettività nelle transizioni amorose del tempo e dell’esistenza. Organizzatrice la prof. Maria Luisa Iavarone