Università degli Studi di Napoli

Parthenope

 

 

Centro di Servizi di Ateneo per le Sperimentazioni

nelle Discipline biologiche, chimiche, fisiche e mediche

Via Acton 38, 80131 Napoli, tel./fax 081-5475155, e-mail: centrolab@uniparthenope.it

 

(costituito con D.R. n. 311 del 3 maggio 2005)

 

 

 

Direttore:                     Prof. Giuseppe Sorrentino

Commissione Tecnica: Prof. Paolo Casoria, Prof. Raffaele Cioffi, Prof. Giulia Scherillo, Prof.Giuseppe Sorrentino

Personale tecnico:        Dott. Luigi Rovito

 

 

 

__________________________________________________________

 

 

Il Centro costituisce struttura di supporto alle attività istituzionali di ricerca promosse e svolte dai docenti e dai ricercatori dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”.  Esso si propone di offrire ai docenti ed ai ricercatori dell’Università idoneo strumento per lo svolgimento, nonché per lo sviluppo ed il potenziamento, della ricerca; in particolare nelle discipline biologiche, mediche, chimiche e fisiche.

Il Centro di Servizi costituisce, altresì, struttura di supporto alle attività istituzionali di didattica, svolgentisi nell’ambito dell’Ateneo relativamente alle discipline biologiche, mediche, chimiche e fisiche, al fine di offrire agli studenti dell’Università struttura atta a garantire la loro più adeguata e completa formazione attraverso l’applicazione e lo svolgimento di attività tecnico pratiche.

Il Centro può fornire servizi ad enti pubblici e privati, stipulando apposite convenzioni, o secondo eventuale tariffario approvato dal Consiglio d’Amministrazione dell’Università, fatti salvi i prioritari interessi afferenti alle anzidette finalità istituzionali del Centro.

   

 

 

Regolamento                             Statuto                        Prenotazione   Laboratori

 

 

__________________________________________________________

 

STATUTO

 

Ø   ART. 1 Istituzione del “Centro di Servizi di Ateneo per le sperimentazioni nelle discipline biologiche, chimiche, fisiche e mediche”

Ø   ART. 2 Ambito di attività e finalità

Ø   ART. 3 Utenza

Ø   ART. 4 Organi

Ø   ART. 5 Il Direttore

Ø   ART. 6 La Commissione Tecnica

Ø   ART. 7 Risorse finanziarie

Ø   ART. 8 Dotazione patrimoniale

Ø   ART. 9 Personale

Ø   ART. 10 Gestione amministrativo-contabile

Ø   ART. 11 REGOLAMENTO INTERNO

Ø   ART. 12 Entrata in vigore

 

 

 

ART. 1 Istituzione del “Centro di Servizi di Ateneo per le sperimentazioni nelle discipline biologiche, chimiche, fisiche e mediche”

 

E’ istituito, ai sensi degli artt. 76 e seguenti del Regolamento Generale di Ateneo, il “Centro di Servizi di Ateneo per le sperimentazioni nelle discipline biologiche, , chimiche, fisiche e mediche”, di seguito denominato “Centro”.

(torna all’inizio)

 

 

ART. 2 Ambito di attività e finalità

 

Il Centro costituisce struttura di supporto alle attività istituzionali di ricerca promosse e svolte dai docenti e dai ricercatori dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”.

Esso si propone di offrire ai docenti ed  ai ricercatori dell’Università idoneo strumento per lo svolgimento, nonché per lo sviluppo e il potenziamento della ricerca, in particolare, nelle discipline biologiche, mediche, chimiche e fisiche.

Il Centro di Servizi costituisce, altresì, struttura di supporto alle attività istituzionali di didattica, svolgentisi nell’ambito dell’Ateneo relativamente alle discipline biologiche, mediche, chimiche e fisiche, al fine di offrire agli studenti dell’Università struttura atta a garantire la loro più adeguata e completa formazione attraverso l’applicazione e lo svolgimento di attività tecnico-pratiche.

Il Centro può fornire servizi ad enti pubblici e privati, stipulando apposite convenzioni, o secondo eventuale tariffario approvato dal Consiglio di Amministrazione dell’Università, fatti salvi i prioritari interessi afferenti alle anzidette finalità istituzionali del Centro.

(torna all’inizio)

 

 

ART. 3 Utenza

 

Possono usufruire del Centro, compatibilmente con la relativa capacità ricettiva, i docenti e i ricercatori dell’Università che necessitino, per lo svolgimento delle attività di ricerca e delle attività in conto terzi, del supporto della struttura del Centro, nonché gli studenti iscritti ai corsi di dottorato di ricerca.

A tal fine ciascun docente o ricercatore interessato dovrà far pervenire, per il tramite del proprio Dipartimento di appartenenza, specifica richiesta al Centro.

Nella richiesta dovranno essere indicate le apparecchiature scientifiche necessarie per lo svolgimento del progetto di ricerca, i prevedibili tempi di utilizzo delle stesse, i ricercatori coinvolti e l’entità del finanziamento ottenuto.

Possono usufruire del Centro, per lo svolgimento delle attività tecnico-pratiche di supporto alla didattica, compatibilmente con la relativa capacità ricettiva , i docenti indicati dai rispettivi Consigli di Facoltà di appartenenza, nonché gli studenti che necessitino, per lo svolgimento della tesi di laurea, delle strutture del Centro stesso .

A tal fine, i Consigli di Facoltà richiedono al Centro, entro il 15 settembre, di avvalersi della struttura per lo svolgimento delle attività tecnico-pratiche di supporto alla didattica, con l’indicazione degli insegnamenti interessati , del numero di discenti coinvolti e dei tempi di utilizzo del Centro stesso.

(torna all’inizio)

 

 

ART. 4 Organi

 

Sono organi del Centro:

a)                Il Direttore

b)                La Commissione Tecnica

(torna all’inizio)

 

 

ART. 5 Il Direttore

 

Il Direttore del Centro è nominato dal Rettore tra i docenti di I fascia dell’Ateneo.

Il Direttore adotta tutte le misure atte al funzionamento del Centro; cura l’ottimizzazione delle risorse umane e strumentali assegnate al Centro stesso; propone al Rettore o al Direttore Amministrativo soluzioni atte a salvaguardare l’efficienza dei servizi; gestisce le risorse finanziarie assegnate al Centro secondo le modalità e le procedure disciplinate dal Titolo IV del Regolamento per l’Amministrazione, la Finanza e la Contabilità dell’Ateneo.

Il Direttore predispone il Piano Programmatico annuale del Centro, alla luce anche delle richieste di utilizzo del Centro stesso promananti dai Consigli di Facoltà e dai Consigli di Dipartimento di cui all’art. 3.

Il Direttore del Centro è consegnatario dei beni mobili del Centro stesso, a norma del titolo IV del Regolamento di Amministrazione, Finanza e Contabilità dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”.

 

(torna all’inizio)

 

 

ART. 6 La Commissione Tecnica

 

La Commissione Tecnica è composta da tre membri, incluso il Direttore che la presiede, nominati dal Rettore tra docenti afferenti alle aree disciplinari, rispetto alle quali il Centro opera quale supporto alle attività didattiche e di ricerca.

La Commissione collabora con il Direttore del Centro nello svolgimento delle attività di competenza di quest’ultimo e svolge le funzioni attribuitele espressamente dal presente Statuto.

La Commissione tecnica esercita funzioni di raccordo tra il Centro, gli Organi accademici e le strutture didattico-scientifiche dell’Ateneo.

La Commissione approva il Piano Programmatico annuale del Centro predisposto dal Direttore del Centro stesso.

La Commissione definisce la programmazione dell’utilizzo del Centro per lo svolgimento delle attività didattiche e di ricerca, valutando le richieste di utilizzo del Centro stesso, sulla base delle strutture, degli spazi e delle  risorse finanziarie a disposizione di questo.

(torna all’inizio)

 

 

ART. 7 Risorse finanziarie

 

Costituiscono fonti di finanziamento del Centro:

a)                Le risorse finanziarie, annualmente previste nelle apposite voci del bilancio dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”, nella specifica partita contabile intestata al “Centro di Servizi di Ateneo per le sperimentazioni nelle discipline biologiche, chimiche, fisiche e mediche”per la parte corrente e per la parte in conto capitale;

b)                Le risorse costituenti la percentuale, nella misura del 4%, dell’ammontare dei finanziamenti ottenuti dai docenti e dai ricercatori che usufruiscono del Centro;

c)                 Le risorse derivanti dalla quota percentuale, nella misura del 5%, dell’ammontare del corrispettivo dell’attività svolta dal docente, a titolo di conto terzi, mediante l’utilizzo del Centro;

d)                Le risorse derivanti da eventuali attività svolte a titolo di conto terzi dal Centro;

e)                 Gli eventuali contributi straordinari erogati a carico dei fondi di bilancio dell’Ateneo a favore del Centro;

f)                  Gli eventuali atti di liberalità, eredità e legati a favore del Centro;

g)                Gli eventuali finanziamenti derivanti da enti e/o istituzioni pubbliche e private su progetti di ricerca elaborati dal Centro;

L’ammontare del finanziamento dell’apposito capitolo di bilancio di cui alla lettera a) viene annualmente stabilito, in sede di bilancio di previsione dell’Università, tenuto conto del Piano Programmatico annuale e delle complessive disponibilità di bilancio.

Le misure percentuali di cui alle lettere b) e c) potranno formare oggetto di variazione con apposita deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione.

(torna all’inizio)

 

 

ART. 8 Dotazione patrimoniale

 

Costituiscono patrimonio iniziale del Centro gli spazi, le strumentazioni e le attrezzature, già in dotazione del laboratorio di Ricerche in Tecnologie Innovative, Ambiente e Salute dell’Uomo, sito al piano I dell’edificio di Via Acton, 38, così come indicati nel Decreto Rettorale di costituzione del Centro.

Costituiscono, altresì, patrimonio del Centro le strumentazioni acquisite con fondi di ricerca o con proventi derivanti da prestazioni conto terzi rese dal Centro.

Le strumentazioni e/o apparecchiature acquisite con risorse provenienti da specifici progetti di ricerca o da attività conto terzi possono essere concesse in uso gratuito al Centro, previa deliberazione del Dipartimento cui afferisce il docente titolare dei fondi di ricerca.

La proprietà delle suddette strumentazioni e /o apparecchiature resta in capo al Dipartimento medesimo;cedono a carico del Centro le eventuali spese di manutenzione ordinaria e straordinaria relative a tali strumentazioni e /o apparecchiature

 

(torna all’inizio)

 

 

ART. 9 Personale

 

Il Centro si avvale del personale tecnico-amministrativo ad esso assegnato.

 

(torna all’inizio)

 

 

ART. 10 Gestione amministrativo-contabile

 

La gestione amministrativo-contabile del Centro è regolata dal Titolo IV del Regolamento di Amministrazione, Finanza e Contabilità dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”.

Il Direttore del Centro gestisce le risorse finanziarie assegnate al Centro stesso, secondo le modalità e le procedure disciplinate dal suddetto Titolo IV.

Si applicano alla Commissione Tecnica, in quanto compatibili, le disposizioni dettate dal richiamato Titolo IV in ordine al Consiglio di Istituto.

(torna all’inizio)

 

 

ART. 11 Regolamento interno

 

La Commissione Tecnica definisce, in apposito Regolamento interno, le concrete modalità di funzionamento del Centro e di utilizzo delle strumentazioni ad esso afferenti, nel rispetto dei principi fissati dal presente Statuto.

 

Formano oggetto del Regolamento interno, tra l’altro:

Ø            Le condizioni e le norme che disciplinano le modalità di accesso degli utenti ai servizi del Centro;

Ø            Le norme di comportamento del personale e degli utenti;

Ø            Le modalità di erogazione dei servizi all’utenza;

Ø            La previsione di un eventuale tariffario del Centro, soggetto ad approvazione del Consiglio di Amministrazione dell’Università, per le prestazioni in conto terzi.

(torna all’inizio)

 

 

ART. 12 Entrata in vigore

 

Il presente Statuto entra in vigore alla data del relativo Decreto Rettorale di emanazione.

 

(torna all’inizio)

   

__________________________________________________________

 

 

Norme  d’Uso  e  di  Prenotazione  dei  Laboratori

 

 

Ø           Programma di gestione dei laboratori

Ø           Norme di comportamento in caso di infortunio

Ø           Manuale della sicurezza – Protocollo operativo

Ø           Manuale della sicurezza – Valutazione del rischio chimico

Ø           Algoritmo di calcolo della valutazione del rischio chimico

 

Ø           Modello di prenotazione per attività didattica

Ø           Modello di prenotazione per attività di ricerca

Ø           Modello di segnalazione malfunzionamenti

 

Per la prenotazione dei laboratori scaricare tutti i file sopraelencati, compilare i modelli di richiesta a seconda dell’utilizzo didattico o di ricerca e l’algoritmo di calcolo della valutazione del rischio chimico.

Inviare, quindi, la richiesta debitamente compilata ai laboratori, via e-mail, all’indirizzo: centrolab@uniparthenope.it.

 

Prima dell’invio della modulistica contattare il dott. Luigi Rovito, tel. 081 547 51 55.

 

Per poter accedere ai laboratori è necessario essere in possesso delle schede di sicurezza dei prodotti chimici da utilizzare nelle attività didattiche e/o di ricerca. Tali schede possono essere scaricate seguendo i link:

 

Ø  http://www.cdc.gov/niosh/ipcsnitl/nitlsyn.html

Ø  http://www.zetalab.it/schede/schedeA.html

Ø  http://www.linde-gas.it/International/Web/LG/IT/likelgit.nsf/DocByAlias/safety_data

Ø  http://www.linde-gas.it/International/Web/LG/IT/likelgit.nsf/DocByAlias/sec_info

Ø  http://www.schede.it/?zn=ricerca

 

 

(torna all’inizio)